Almanacco musicale del 8 giugno

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 8 giugno

1952 – Nasce a Senigallia la cantante Sonia Gigliola Conti
1963 – Rita Pavone è prima in classifica con “Il ballo del mattone”
1968 – Caterina Caselli è in cima alla hit parade con “Il volto della vita”
1972 – Alan Sorrenti pubblica il suo primo album “Aria”
1994 – Giorgia lancia il suo primo omonimo album*
1995 – Raf rilascia il disco “Manifesto”
2002 – “Festival” di Paola e Chiara debutta in radio
2007 – L’Aura incide l’album “Demian”
2007 – I Gemelli DiVersi pubblicano “BOOM!”
2008 – Giusy Ferreri è prima in classifica con “Non ti scordar mai di me”**
2012 – Vinicio Capossela lancia “Abbandonato”
2013 – Max Gazzè lancia “I tuoi maledettissimi impegni”
2014 – Francesco Baccini incide “Solematto”
2016 – I Pooh lanciano il loro ultimo inedito “Ancora una canzone”
2017 – Amara pubblica il singolo Grazie

*Il personaggio del giorno: Giorgia

Giorgia1994Sono trascorsi ventiquattro anni dal lancio dell’album d’esordio di Giorgia Todrani, una delle attuali e più rappresentative interpreti della canzone italiana. Prodotto da Marco Rinalduzzi e Massimo Calabrese, si tratta del primo progetto discografico ufficiale dell’ugola romana, arrivato a pochi mesi di distanza dalla suo debutto tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo ’94 con il celebra brano “E poi”. Dodici inediti presenti in scaletta, più la cover di “Nessun dolore” di Lucio Battisti.

**La canzone del giorno: Non ti scordar mai di me

 “…Se fossi qui con me questa sera
sarei felice e tu lo sai
starebbe meglio anche la luna
ora piu’ piccola che mai
farei anche a meno della nostalgia
che da lontano
torna per portarmi via
del nostro amore solo una scia
che il tempo poi cancellerà
e nulla sopravviverà

Non ti scordar mai di me
di ogni mia abitudine
in fondo siamo stati insieme
e non è un piccolo particolare
non ti scordar mai di me
della più incantevole fiaba
che abbia mai scritto
un lieto fine era previsto e assai gradito

Forse è anche stata un po’ colpa mia
credere fosse per l’eternità
a volte tutto un po’ si consuma
senza preavviso, se ne va

Non ti scordar mai di me
di ogni mia abitudine
in fondo siamo stati insieme
e non è un piccolo particolare
non ti scordar mai di me
della più incantevole fiaba
che abbia mai scritto
un lieto fine era previsto e assai gradito…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.