Almanacco musicale del 7 giugno

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 7 giugno

1936 – Nasce a Militello il presentatore Pippo Baudo*
1954 – Nasce a Roma il cantante Luis Romano Peris Belmonte, alias Gary Low
1963 – Nasce a Roma la cantante Stefania La Fauci
1968 – Nasce a Milano la cantante Mara Bertuzzi
1976 – “Ancora tu” di Lucio Battisti è in cima alla hit parade
1973 – Nasce Trento il cantautore Daniele Groff
1984 – Nino D’Angelo lancia il disco “Popcorn e patatine”
1987 – Ci lascia il cantautore Bruno Pallesi
2002 – Tiziano Ferro pubblica il singolo “Rosso relativo”**
2004 – Riccardo Fogli vince la prima edizione di Music Farm
2007 – I Negramaro lanciano il disco “La finestra”
2011 – I Nomadi rilasciano l’album “Cuore vivo”
2012 – I Tazenda incidono “Mielacrime”
2013 – Chiara Galiazzo lascia Vieni con me
2014 – Suor Cristina incide “Lungo la riva”
2015 – Dolcenera pubblica Fantastica
2016 – Antonino Spadaccino rilascia “Gira”
2017 – Briga lancia il singolo “Nel male e nel bere”

*Il personaggio del giorno: Pippo Baudo

Traguardo importante per Pippo Baudo, tra i presentatori italiani più longevi ed amati dal pubblico che oggi festeggia il suo ottantaduesimo compleanno. Nel corso della sua fortunata carriera ha scoperto numerosi talenti (da Eros Ramazzotti a Laura Pausini, passando per Andrea Bocelli, Michele Zarrillo, Giorgia, Nek, Daniele Silvestri, Irene Grandi, Gianluca Grignani, Marina Rei, Syria, Anna Tatangelo, Dolcenera, Fabrizio Moro e Simone Cristicchi), conducendo programmi di successo tra cui tredici edizioni del Festival di Sanremo, entrando nella storia come colui che ne ha organizzati di più.

**La canzone del giorno: Rosso relativo

 “…La voglia scalpitava, strillava
tuonava cantava
da notte fonda nel petto di
Paola oh Paola
la noia quella sera era troppa
e cercava, chiamava
duecento principi e invece lei era
la ama del castello

Il tuo è un rosso relativo
senza macchia d’amore ma adesso
canterà dentro di te
per la gran solitudine e
forza amati per questa sera
che domani torni in te ma
non ti diverte perché
vuoi qualcosa di più facile

La timidezza c’era ma svaniva
scappava di notte si dileguava
dagli occhi di Paola oh Paola
giocava a rimpiattino nascondeva
e mostrava, cercava
il cacciatore e invece lei era
la preda dentro il bosco

Il tuo è un rosso relativo
senza macchia d’amore ma adesso
canterà dentro di te
per la gran solitudine e
forza amati per questa sera
che domani torni in te ma
non ti diverte perché
vuoi qualcosa di più facile…”
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.