Aguzziiamo l'orecchio: le novità musicali della settimana 28

Aguzziamo l’orecchio: le novità musicali emergenti della settimana 28

Benvenuti nella nuova rubrica targata Recensiamo Musica che analizzerà le novità musicali realizzate dagli emergenti italiani e uscite nelle radio nell’arco dell’ultima settimana. Iniziamo!

MARIA ANTONIETTA – CAPABRO’: La band marchigiana cerca l’orecchiabilità a tutti i costi e pare riuscirci con un pezzo molto semplice e fresco su una ragazza sfuggente. Il tutto funziona molto bene, peccato per il sound che risulta fin troppo un già sentito. VOTO: 6.5

CARACAS – FERNANDO VITALE: Deejay emergente che spara nelle nostre casse un pezzo strumentale dalle sonorità sudamericane mischiate con un pesante uso dei bassi. Riesce a stancare anche dopo solo un ascolto. Bocciato. VOTO: 4

STELLE FILANTI – GAZZELLE: Flavio Pardini è un Tommaso Paradiso che non ce l’ha fatta. Il nuovo crack della scena indie romana propone un pezzo narrato, come è classico di questo genere musicale. La sua voce è ipnotica ed il ritornello entra subito in testa e ti trascina lentamente. Buon pezzo, prevedo un suo successo mainstream entro due-tre anni. VOTO: 7+

UMILISSIMO – GLI AMICI DELLO ZIO PECOS: Pezzaccio country che strizza l’occhio al pop. La band utilizza il cantato come arma di sberleffo nei confronti di una società attuale molto ipocrita. Particolare, può piacere o fare schifo senza via di mezzo. A me personalmente fa impazzire. VOTO: 8

LA BELLA VITA – KK E MATTEO LOTTI: Un rapper emergente molto incisivo che si unisce con le capacità canore di un ex concorrente di The Voice dalla vocalità molto simili a quelle di Pau dei Negrita. Il pezzo è molto buono ed estivo nonostante affronti un tema già visto e rivisto. Le capacità di entrambi vengono totalmente esaltate e si mischiano bene. Pezzo del futuro. VOTO: 9

SENTIRSI UNO ANCHE SE SIAMO IN DUE – LUCA BASSANESE: Vocalità calde e stile anni ’70 per questo pezzo che per l’ennesima volta strizza l’occhio alle spiagge. Il risultato però è un duetto Giuliano Palma – Il Cile che non convince appieno. VOTO: 6-

PESOS – MAHMOOD: Il ritorno di una vecchia conoscenza ormai della musica emergente italiano. Il pezzo è diverso dalle solite atmosfere del cantante e funziona, mantenendo una atmosfera molto araba ma rimanendo comunque fedele al pop italiano. Non male. VOTO: 7.5

TRAVEL CRAZY – MARGHERITA ZANIN: Pezzo in inglese per la giovane cantautrice savonese. Una voce profonda ma in grado di spaziare molto bene anche sugli acuti quella della ragazza ma la canzone non parte mai appieno, anche se è da segnalare un buonissimo uso delle chitarre e l’ottima atmosfera musicale. VOTO: 7++

YOU CAN BE – PLANET FUNK: Il progetto più internazionale mai realizzato dall’Italia negli ultimi dieci anni torna prepotentemente con la sua storica voce, il cantante dei The Servant. Il pezzo colpisce e resta in testa col suo saggio uso dell’elettronica e la voce particolare di Black. Storici. VOTO: 8+

DIAMANTE NERO – SERENA DE BARI: Ad Amici 16 ha diviso il pubblico tra chi la odiava a morte e chi, invece, la amava. La voce fa molto Nina Zilli ed il testo è qualcosa di totalmente indecente ma non nego che ha le potenzialità per funzionare. VOTO: 6/7

L’ESTATE CI PORTA ALTROVE – VALENTINA BORCHI (FT. ICS): Diciamo che lanciare un singolo d’esordio in un programma (The winner is) in cui i telespettatori ti conoscono a malapena per due puntate e cinque esibizioni non è una cosa intelligente. Oltretutto chiedere di duettare ad uno dei più dimenticati talenti di XFactor fa un quadro generale che non promette proprio jackpot. Però sorprendentemente il connubio tra Valentina ed Ics funziona a meraviglia. Il pezzo è una bellissima energy ballad che parla in modo malinconico delle estati finite con delle strofe rap intelligenti ed azzeccate. Bella sorpresa. VOTO: 7+

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un’altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere.
Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *