Almanacco musicale del 11 agosto

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 11 agosto

1964 – Bobby Solo vince la prima edizione del Festivalbar con “Credi a me”*
1978 – Antonello Venditti è ai vertici delle classifiche con “Sotto il segno dei pesci”
1983 – Nasce a Bari il cantante Tommy Parisi
1990 – Francesco Baccini e Ladri di Biciclette sono primi in classifica con “Sotto questo sole”
1998 – “Mai come ieri” di Carmen Consoli e Mario Venuti è in cima alla hit parade
2011 – Giusy Ferreri raggiunge la top 10 con “Piccoli dettagli”
2013 – Max Gazzè debutta su EarOne con “I tuoi maledettissimi impegni”
2014 – Biagio Antonacci è tra gli artisti più presenti in radio con “Dolore e forza”
2015 – Emma è in vetta alle classifiche conOcchi profondi
2017 – Ragazza paradiso di Ermal Meta è tra i brani più trasmessi*

*Il personaggio del giorno: il Festivalbar

FestivalbarSono trascorsi cinquantaquattro anni dalla prima storica edizione del Festivalbar,  manifestazione musicale ideata da Vittorio Salvati, che ha accompagnato le estati di intere generazioni. Tra gli artisti che si sono esibiti sul palco di Asiago nel lontano 1964, ricordiamo: Gene Pitney, Robertino, Catherine Spaak, i Les Surfs, Fabrizio Ferretti e il vincitore assoluto Bobby Solo, che bissa con “Credi a me” il grande successo riscosso a Sanremo con “Una lacrima sul viso”.

**La canzone del giorno: Ragazza paradiso

 “…Mi hai dato tutto
ma niente avevi
mi hai fatto amare tutti i miei difetti
e come ho fatto io quando non c’eri?
non prendere impegni per i prossimi anni

Che sarà domani
non so che cosa dirti
domani sarà ieri, ma si
noi non saremo uguali
ma dentro i nostri abbracci, quelli si

Nei tuoi occhi c’è il celo più grande che io abbia visto mai
e le tue braccia una spazio perfetto in cui ci tornerei per sempre
in cui ci resterei per sempre

Siamo due gocce
dello stesso mare
ma abbiamo già trovato l’ultimo amore
nemmeno un’ombra nel tuo sorriso
Beatrice non avrebbe niente da insegnarti
ragazza paradiso

Nei tuoi occhi c’è il celo più grande che io abbia visto mai
e le tue braccia una spazio perfetto in cui ci tornerei per sempre
in cui ci resterei per sempre

E di tutta questa vita
io non butterei via niente
solo una mi completa fra milioni di persone
ogni cuore ha le sue pieghe
ogni volto ha le sue rughe
non hai fatto mia promesse
ma le hai mantenute tutte
si, le hai mantenute tutte
tu le hai mantenute tutte
si, le hai mantenute tutte

Nei tuoi occhi c’è il celo più grande che io abbia visto mai
e le tue braccia una spazio sicuro in cui ci tornerei per sempre
in cui mi perderei per sempre
e poi ci resterei per sempre
si…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.