Almanacco musicale del 15 luglio

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 15 luglio

1967 – Adriano Celentano e Claudia Mori sono primi in classifica con “La coppia più bella del mondo”
1970 – Nasce a Firenze la cantante Ginevra Di Marco
1977 – Nasce a Siena la cantante Rachele Bastreghi, voce femminile dei Baustelle*
1994 – “Chiuditi nel cesso” degli 883 è in vetta alla hit parade
2006 – Checco Zalone è in cima alle classifiche con “Siamo una squadra fortissimi”
2011 – Luca Barbarossa e Fiorella Mannoia incidono “Quando la notte cade giù”
2011 – Entics pubblica il singolo “Clik”
2013 – Donatella Rettore rilascia “Ciao Ciao”
2016 – Luchè lancia il disco “Malammore”
2016 – Gabry Ponte e Danti pubblicano “Che ne sanno i 2000”
2016 – Raphael Gualazzi lancia “L’estate di John Wayne”
2017 – Francesca Michielin incide “Vulcano”**

*Il personaggio del giorno: Rachele Bastreghi

Rachele BastreghiQuarantuno candeline sulla torta per Rachele Bastreghi, cantautrice e voce femminile del gruppo toscano dei Basustelle. Nel corso della sua fortunata carriera ha pubblicato otto album con la sua band, un EP da solista (“Marie” del 2015) e collaborato con diversi artisti, tra cui Patty Pravo, gli Afterhours, i Perturbazione, Le Luci Della Centrale Elettrica, i Virginiana Miller, Roberto Dell’Era e Mauro Ermanno Giovanardi dei La Crus. Tra i brani scritti per i Baustelle, ricordiamo “Arrivederci”, “Cronaca nera”, “Sergio”, “Revolver”, “Alfredo”, “L’aeroplano”, “Dark room”, “La vita va”, “Spaghetti western”, “L’estate enigmistica”, “Monumentale”, “Nessuno”, “L’orizzonte degli eventi”, Betty”, “Eurofestival”, “La musica sinfonica” e “L’era dell’acquario”.

**La canzone del giorno: Vulcano

 “…V come vulcano
e mille altre cose
come la volontà di camminare vicino al fuoco
e capire se è vero questo cuore che pulsa
se senti sul serio oppure è vanità

V come vulcano
e mille altre cose
come il volume che
si alza e contiene il mare
e capire se vale scottarsi davvero
o non fare sul serio
fare sul serio

Corro di notte
i lampioni, le stelle
c’è il bar dell’indiano
profuma di te
rido più forte
mi perdo nell’alba
sei in tutte le cose
e in tutte le cose esplode
la vertigine che ho di te
la vertigine che ho di te

V come vulcano
e mille altre cose
la paura di vagare
per troppo tempo a vuoto
e capire se è vivo questo cuore che vibra
vuoi viaggiare davvero
viaggiare davvero

Corro di notte
i lampioni, le stelle
c’è il bar dell’indiano
profuma di te
rido più forte
mi perdo nell’alba
sei in tutte le cose
e in tutte le cose esplode
la vertigine che ho di te
la vertigine che ho di te
la vertigine che ho di te

Mi sposto, mi fermo
il semaforo in centro
è già spento da un’ora
tu starai dormendo
è bello sentire anche qui
la vertigine che ho di te
la vertigine che ho di te

Corro di notte
i lampioni, le stelle
c’è il bar dell’indiano
profuma di te
rido più forte
mi perdo nell’alba
sei in tutte le cose
e in tutte le cose esplode
la vertigine che ho di te
la vertigine che ho di te
la vertigine che ho di te
la vertigine che ho di te…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.