Almanacco musicale del 23 giugno

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 23 giugno

1962 – Peppino Di Capri è primo in classifica con “St. Tropez Twist”
1970 – Nasce a Roma la cantante Silvia Cecchetti
1973 – “Tu nella mia vita” di Wess e Dori Ghezzi è in cima alla hit parade
1986 – Umberto Tozzi e Raf sono in vetta alle classifiche con “Gente di mare”
1989 – Edoardo Bennato debutta in radio con “Viva la mamma”
1990 – Nasce il cantante Leiner Riflessi
1995 – Nasce a Sesto San Giovanni la cantante Giulia Casieri
2006 – Tiziano Ferro pubblica l’album “Nessuno è solo”
2007 – Gli Zero Assoluto lanciano il singolo “Meglio così”
2010 – Omar Pedrini rilascia la raccolta “La capanna dello Zio Rock”
2011 – I Tiromancino e Fabri Fibra incidono “L’inquietudine di esistere”
2012 – Andrea Febo e Daniele Vit pubblicano “Questo è amore”
2013 – Bungaro e Paola Cortellesi lanciano “Dimentichiamoci”
2014 – I Dear Jack rilascianoLa pioggia è uno stato d’animo”**
2015 – Erica Mou incide “Ho scelto te”
2016 – Tricarico pubblica il disco “Da chi non te lo aspetti”
2017 – Mina e Celentano lanciano il singolo Se mi ami davvero

*Il personaggio del giorno: Edoardo Bennato

bennato-viva-la-mammaSono trascorsi ventinove anni dal lancio di “Viva la mamma”, il più grande successo discografico di Edoardo Bennato, rimasto ai vertici delle classifiche per intere settimane. Il brano fece da traino al lancio del suo undicesimo progetto in studio intitolato “Abbi dubbi”, un lavoro che abbandona l’idea di concept album utilizzata dal cantautore napoletano per le sue precedenti produzioni, in virtù di sonorità maggiormente pop e temi più popolari e meno astratti.

**La canzone del giorno: La pioggia è uno stato d’animo

 “…La pioggia è uno stato d’animo
che mi prende quando non sei qui vicino a me

Ho pensato bene a cosa dirti questa sera
languida la notte
e anche l’atmosfera è giusta
per togliermi di dosso ogni peso adesso
ogni peso adesso
lascio parlare il mio istinto
che non si sa mai
la mia pelle grida
mentre il vento bacia già
i tuoi occhi e ti accarezza
corpo e anima,
corpo e anima, anima
se vince chi fugge
allora ho perso perché
resto immobile davanti all’amore
e quindi a te

La pioggia è uno stato d’animo
che mi prende quando non sei
qui vicino a me
la fine di questo spettacolo
questa sera sarai solo tu
a decidere

E ti accorgi dell’intensità
di un momento
solo quando è già passato
quando è ormai un ricordo
le parole passano
ma il mio amore è ancora qua
e tu sei là
se vince chi fugge
allora hai perso perché
resti immobile davanti all’amore
e quindi a me

La pioggia è uno stato d’animo
che ti prende quando non sono
vicino a te
la fine di questo spettacolo
questa sera sarò solo io
a decidere

Piove sul mio mento,
piove a terra e sul cemento,
potrei scivolare, è assurdo
un tempo eri il mio appiglio
anche se la pioggia mi ha
bagnato
io ritorno come nuovo,
come fossi a un nuovo inizio
il mio stato d’animo è
una nube passeggera,
soffiami parole come
soffi la ferita quando è ancora viva
com’è stata viva questa fiamma
che di fuoco ha solamente
l’apparenza che m’inganna

La pioggia è uno stato d’animo
la fine di questo spettacolo
questa sera sarai solo tu
a decidere…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.