Almanacco musicale del 23 settembre

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 23 settembre

1934 – Nasce a Monfalcone il cantautore Gino Paoli*
1943 – Nasce a Madrid il cantante Julio Iglesias
1967 – Nasce a Rho la cantautrice Cristina Donà
1990 – “Scandalo” di Gianna Nannini è in vetta alle classifiche
1993 – Vasco Rossi è primo nella hit parade con “Gli spari sopra”
2002 – “La rondine” di Mango è in cima alla hit parade
2010 – Ligabue rilascia “La linea sottile”
2011 – I Negrita lanciano il singolo “Brucerò per te”
2012 – Francesca Michielin è tra gli artisti più trasmessi in radio con “Sola”
2013 – Paolo Meneguzzi incide “Zero”
2014 – I Subsonica rilasciano l’album “Una nave in una foresta”
2015 – “Sei un pensiero speciale” di Eros Ramazzotti è in vetta su EarOne
2016 – Elodie lancia L’imperfezione della vita
2017 – Fiorella Mannoia incide il singoloCombattente
2017 – Thomas pubblica “È un attimo”
2017 – Coez lancia il singolo “La musica non c’è”**

*Il personaggio del giorno: Gino Paoli

Oggi è un giorno speciale per Gino Paoli, cantautore che festeggia il suo ottantaquattresimo compleanno, tra i massimi esponenti della “scuola genovese” insieme a Luigi Tenco, Fabrizio De Andrè, Umberto Bindi e Bruno Lauzi. Tra le canzoni che arricchiscono il suo vasto repertorio, ricordiamo: “Il cielo in una stanza”, “Che cosa c’蔓Sapore di sale”, “La gatta”, “Senza fine”, “Un uomo vivo”, “Averti addosso”, “Una lunga storia d’amore”, “Questa volta no”, “Quattro amici”“La bella e la bestia”, “E m’innamorerai” e “Un altro amore”.

**La canzone del giorno: La musica non c’è

“…Volevo dirti tante cose ma non so da dove
iniziare, ti vorrei viziare
farti scivolare addosso questo mondo infame
mettermi tra te e 100 lame
mentre cerco il mare
penso non avrebbe senso fare un tuffo immenso se non ci sei tu a nuotare
e tu che sai colmare
e tu che sai calmare

C’è troppa luce dentro la stanza, questo caldo che avanza io non dormirò
e scusa se non parlo abbastanza ma ho una scuola di danza nello stomaco
e balla senza musica con te, sei bella che la musica non c’è

Vorrei farti 100 cose ma non so da dove
iniziare, ti vorrei viziare
bella che non ti va di ballare
ma bella che se balli le altre ti guardano male
che c’hai sempre qualcosa da insegnare
mi metti in crisi e in questo testo non ti riesco a disegnare
vorrei portarti al mare, anzi, portarti il mare

C’è troppa luce dentro la stanza, questo caldo che avanza io non dormirò
e scusa se non parlo abbastanza ma ho una scuola di danza nello stomaco
e balla senza musica con te, sei bella che la musica non c’è

E in fondo tutto quello che volevo lo volevo con te
e sembra stupido ma ci credevo, e ci credevi anche te
e’ non è facile trovarsi mai
e tu mi dici è meglio se ora vai, ormai è tardi

C’è troppa luce dentro la stanza, questo caldo che avanza io non dormirò
e scusa se non parlo abbastanza ma ho una scuola di danza nello stomaco
e balla senza musica con te, sei bella che la musica non c’è…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.