Almanacco musicale del 6 maggio

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 6 maggio

1960 – Nasce a Sassari il chitarrista Gigi Camedda, fondatore dei Tazenda
1961 – Nico Fidenco debutta in classifica con “Legata a un granello di sabbia”
1969 – Gli Equipe 84 sono in vetta alla hit parade con “Tutta mia la città”
1972 – Adriano Celentano rilascia il disco “I mali del secolo”
1975 – Nasce a Cantù il cantante Andrea Parodi
1984 – “Terra promessa” di Eros Ramazzotti è in vetta alle classifiche
1986 – Nasce a Roma il cantautore Mirko Mancini, alias Mirkoeilcane
1999 – Adriano Celentano lancia l’album “Io non so parlar d’amore”
2003 – Gli Eiffel 65 pubblicano “Viaggia insieme a me”
2004 – Caparezza incide “Vengo dalla luna”
2005 – Dolcenera vince la seconda edizione di “Music Farm”*
2011 – Noemi pubblica il singolo “Odio tutti i cantanti”
2012 – “Il comico (sai che risate)” di Cesare Cremonini è in vetta nella top10 di EarOne
2013 – I Perturbazione rilasciano il disco “Musica X”
2014 – Francesco Renga lancia “Il mio giorno più bello del mondo”
2015 – Gianluca Grignani ed Emis Killa pubblicano “Fuori dai guai”
2016 – Fedez e J-Ax incidono il singolo “Vorrei ma non posto”

*Il personaggio del giorno: Dolcenera

Sono trascorsi tredici anni dalla finalissima della seconda edizione di Music Farm che ha consegnato la vittoria a Emanuela Trane, alias Dolcenera, al suo riscatto discografico dopo un periodo difficile avvenuto all’indomani dalla vittoria delle Nuove Proposte del Festival di Sanremo. Nel corso del reality è emersa tutta la sa forza comunicativa grazie alle interpretazioni di cover come “Pensiero stupendo” o “Piccola stella senza cielo”, oltre alla spinta dell’intenso inedito “Mai più noi due”.

**La canzone del giorno: Il mio giorno più bello del mondo

 “…Ricomincia nella notte questa storia troppe volte
e ha tirato botte colpi bassi mentre vivo che mi tolgono il respiro
e mi danno la certezza che mi ostinerò a mancarti senza raddrizzare il tiro
quante volte avremmo detto con fermezza che tra noi era finita
da domani ricomincia un’altra vita
tranne poi tornare dove siamo stati sempre certi di trovarci
siamo sempre stati forti a lasciarci negli abbracci
a proteggerci dai sassi, a difenderci dagli altri, a lasciarci i nostri spazi
a toccare con un dito questo cielo che spalanca l’infinito
quante volte ci ha deluso e quante volte ci ha sorriso

Come te che mi hai dato
il mio giorno più bello nel mondo
l’ho vissuto con te
solo tu mi hai donato
un sorriso che nasce anche quando un motivo non c’è
e da quando c’è stato sembra schiudere tutte le porte
sembra schiuderle tutte le volte
che sto con te

Non lasciamo che sia il tempo a cancellarci senza un gesto
far la fine dei graffiti abbandonati alle pareti
lentamente sgretolati dalla pioggia e dal calore
fino a quando c’è uno stronzo che passando li rimuove
senza avere la certezza di aver dato tutto
prima di mollare, di tagliare corto
di imboccare quella strada senza più un rimorso
fino a quando arriverà qualcuno che starà al mio posto
a lasciarci negli abbracci
a proteggerci dai sassi
a difenderci dagli altri
a lasciarci i nostri spazi
a toccare con un dito questo cielo che spalanca l’infinito
quante volte ci ha deluso
e quante volte ci ha sorriso

Come te che mi hai dato
il mio giorno più bello nel mondo
l’ho vissuto con te
è con te che è iniziato
il mio viaggio più bello nel mondo io l’ho fatto con te
è un sorriso che è nato
sembra schiudere tutte le porte
sembra schiuderle tutte le volte
che sto conte

Eravamo solo due perduti amanti
quando l’universo ha ricongiunto i punti
sole luna caldo freddo in un secondo solo
quando finalmente riprendiamo il giro
è una sensazione che mi sembra innata come se con me fossi sempre stata
come se ti avessi sempre conosciuta
ma la meraviglia è che ti ho incontrata

E sei tu che mi hai dato
i miei giorni più belli nel mondo li ho vissuti con te
solo tu mi hai donato un sorriso che nasce anche quando un motivo non c’è
sembri schiudere tutte le porte
sembri schiuderle tutte le volte che sei con me
sembri schiuderle tutte le volte
che sto con te…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.