Amici 16: el serale de oro - Recensiamo Musica

Amici 16: el serale de oro

Eccomi nuovamente con le mie pagelle del talent (una volta) più amato d’Italia. Ospiti Lenny, Gianna Nannini ed Amy Macdonald con incursione di Diego Armando Maradona. Quinto giudice l’ormai abituata Simona Ventura. Vediamo se è stato tutto top oppure tutto flop.

Polaroid (Riccardo): 5. Siamo tornati ai tempi di Entics? Click, mi chiedi se la faccio con te, ah ah? Questo genere di canzoni funziona quando la senti la prima volta, al secondo tentativo è un banalume unico. Le solite frasi immaginifiche messe un po’ ad organo di segugio, il classico ritmo ballabile e la faccia pulita. Ma ormai non ci inganni più.

Normalità (Thomas): 7. Un esperimento strano, il Justin Timberlake italiano. Il pezzo ci sta, è totalmente diverso da Scusa e lui pare funzionare, destreggiandosi sul beat. Anche i giudici infatti concordano, lui propone qualcosa di nuovo a differenza di Riccardo che in questa veste lo vediamo già fin troppo spesso.

Signor Tenente (Mike Bird): 8. Inaspettatamente il giovane Michele riesce a rendere suo e personalizzare tantissimo l’inno alle forze dell’ordine cantato da Faletti. Spero riesca a far conoscere a tante ragazzine quanto fatto da un grande uomo ed artista quale era Giorgio. Bravo Mike, a parte qualche piccola incertezza.

Respect (Federica): 8+ Una versione inaspettata ma sorprendente da vera soul girl della giovane Carta. Inattaccabile sotto ogni aspetto, soprattutto vocale. Riesce a dare una marcia in più all’esibizione, anche se dal punto di vista emozionale Mike vince nettamente.

Light My Fire (Shady): 7. Shady torna di nuovo in versione sexy per festeggiare il cinquantenario di un pezzo iconico come pochi altri. La sua versione fa molto Nancy Sinatra e non è affatto un male però lei era capace di sfoderare quella grinta in più che avrebbe reso il pezzo perfetto. La voce c’è sempre e dispiace sapendo a che destino si sta dirigendo di lì a poco.

Perdo le parole (Riccardo): 6.5 Ormai di questa canzone ho detto già tutto, a questo giro più incazzato del solito.

Empire state of mind (Federica & Elisa): 8.5 Federica è una Alicia Keys perfetta, paradossalmente è proprio il rapping un po’ sconclusionato di Elisa a rovinare il tutto. Ma le sfumature della voce della Fede emergono in questa esibizione che lascia il pubblico stranito. Sempre più in ottica da finale.

Estate (Shady): 5 Non sono un fan della canzone originale, per nulla. L’interpretazione della ricciola non è sufficiente per farmela amare. Comunque torno a sottolineare quanto talento vocale abbia questa ragazza, è incredibile. Volteggia su qualsiasi genere le dai.

Lady (Thomas & Emma): 8 Thomas è perso di Emma, secondo me. Il loro duetto è qualcosa di incredibile, pieno di ballo e movimento e la parte dance di Thomas torna a rivelarsi convincendo pienamente. Ormai le mie pagelle non possono che essere fiere del più giovane amiciano dell’anno.

Quel posto che non c’è (Thomas): 9 Migliore esibizione della puntata, piccolo capolavoro musicale che si dischiude come un bocciolo.

Dopotutto (Federica): 9 – La miglior canzone del repertorio della Fede, cantata come solo lei sa fare. La versione studio è oro, la versione live meno ma rende comunque giustizia al pezzo. La mano della Abbate si sente decisa nell’impronta del pezzo.

The Blower’s Daughter (Mike): 8.5 Perfetto, sembra un’esibizione degna di XFactor. Bravissimo, emozionante e dotato vocalmente. Avanti così.

Last Walk (Shady): 5 Io amo Shady ma a differenza di Louboutin questo inedito non mi lascia niente.

Senza fine (Riccardo): 4 Chi mi legge sa già quanto non trovo Riccardo credibile a fare il crooner. Non è il suo mondo. Fine e punto a capo.

Rolling in the deep (Shady): 8. Reinterpretazione che convince. Shady sussurra l’urlato di Adele penetrando fin dentro le costole.

Ti luccicano gli occhi (Riccardo): 6.5 Visto che con Aurora ci è uscito solo una volta chissà a chi è dedicata a sta canzone. Nel dubbio, resta il classico pezzo d’amore adolescenziale.

Louboutin (Shady): 8 Mi fa impazzire sta canzone. Adattissima a lei e di respiro international. Per i miei gusti l’ha fatta fin troppo poco.

Sei mia (Riccardo): 7 Solita solfa su quanto questa canzone funzioni seppure con tutti i suoi difetti, ormai la sapete.

Hide and seek (Shady): 9+ Portare gli Imogen Heap ad Amici è la dimostrazione che anche senza Morgan si possono fare cose belle. Shady colpisce ancora.

Diverso (Riccardo): 7+ Anche qua ve ne ho già dette troppe.

Mi sono innamorato di te (Shady): 8.5 Grande classico interpretato molto alla Mina. Tanto di capello, ottimo canto del cigno per la ragazza dagli occhi da cerbiatto.

E penso a te (Riccardo): 3 Le motivazioni sono sempre quelle che ho detto in precedenza. La credibilità artistica non si sposa per forza con la voce.

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un’altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere.
Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *