Classifica Earone, settimana 23 del 2018: podio stabile

Vediamo insieme la classifica airplay italiana, secondo le stime di EarOne, di questa settimana, la #23 del 2018

Debutta al #20 posto l’intoccabile Laura Pausini (guai a chi la critica, il buon Bernardini ne sa qualcosa) con E.Sta.A.Te, mentre precipita alla #19 (-12) Jovanotti con Le canzoni. Alla #18 (-3) troviamo i Tiromancino con Due destini (feat Alessandra Amoroso). Alla #17 (-7) c’è Dolcenera con Un altro giorno sulla terra. Stabile Biagio Antonacci con Mio fratello (feat Mario Incudine) alla #16.

Sale alle #15 (+3) Calcutta con Paracetamolo, salgono anche Benji e Fede con Moscow Mule alla #14 (+5). Stabile Emma alla #13 con Mi parli piano. Stabili anche Elodie, Michele Bravi e Guè Pequeno alla #12 con Nero Bali. Salgono alla #11 (+3) Le Vibrazioni con Amore zen (feat Jake La Furia). Scende di una posizione Annalisa con Bye bye, questa settimana alla #10 (-1).

Sale Ermal Meta alla #9 (+2) con Dall’alba al tramonto. Questa settimana “Pino è” (ogni riferimento al concerto andato in onda ieri sera su Rai1, dove molto “artisti” avrebbero fatto bene, per celebrare la musica dell’amico Pino Daniele, starsene a casa) alla #8 (-2) con Resta quel che resta. Alla #7 nuovo ingresso per Takagi e Ketra con Amore e capoeira (feat Giusy Ferreri e Sean Kingston). Scendono alla #6 (-2) i Thegiornalisti con Questa nostra stupida canzone d’amore.

Sale, invece, alla #5 (+3) Cesare Cremonini con Kashmir Kashmir. Alla #4 (+1) c’è Carl Brave con Fotografia (feat Francesca Michielin e Fabri Fibra). Si continua con lo stesso podio della settimana scorsa: alla #3 J-Ax e Fedez con Italiana; alla #2 Luca Carboni con Una grande festa e in cima la regina Loredana Bertè e Boomdabash con Non ti dico no. La classifica con i passaggi radiofonici italiani torna puntuale la settimana prossima su Recensiamo musica!

The following two tabs change content below.

Antonino Muscaglione

Antonino Muscaglione, nasce a Palermo nel 1976. Da sempre appassionato di disegno, attento a dettagli, per altri, non rilevanti. "Less is more", avrebbe scoperto in seguito, diceva Mies Van Der Rohe. Consegue la Laurea in Architettura nella Facoltà d'Architettura della sua città. Vive in Lombardia, si divide fra progettazione architettonica e insegnamento. Denominatore comune delle sue attività è la musica, da sempre presente nella sua vita. Non può progettare senza ascoltare musica; non può insegnare senza usare la musica come strumento di aggregazione.

Antonino Muscaglione

Antonino Muscaglione, nasce a Palermo nel 1976. Da sempre appassionato di disegno, attento a dettagli, per altri, non rilevanti. "Less is more", avrebbe scoperto in seguito, diceva Mies Van Der Rohe. Consegue la Laurea in Architettura nella Facoltà d'Architettura della sua città. Vive in Lombardia, si divide fra progettazione architettonica e insegnamento. Denominatore comune delle sue attività è la musica, da sempre presente nella sua vita. Non può progettare senza ascoltare musica; non può insegnare senza usare la musica come strumento di aggregazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.