Dolcenera e quella sua arte di essere musicista

Nel nuovo singolo, Un altro giorno sulla terra, stupisce ancora

Uno dei postulati della musica, una di quelle affermazioni che Euclide nella geometria non avrebbe nemmeno dimostrato tanto era ovvia, dovrebbe essere saper far musica. O, perlomeno, conoscerla. Capita, invece, sempre più spesso, quasi per un assurdo geometrico, che chi fa musica in realtà ne sappia ben poco delle sette note, della tecnica canora, di produzione e arrangiamento. E così ci si trova immersi in un panorama in cui la musica è affidata a chi, in realtà, non ci capisce una mazza. Un po’ come chi si ritrova a fare il ministro dell’istruzione senza aver conseguito nemmeno la laurea universitaria.

Ebbene, in quello che appare tutt’altro che un armonioso fregio dorico dell’Antica Grecia ma piuttosto una confusionaria composizione sproporzionata svetta la perfezione e la competenza anticonvenzionale di Dolcenera. Artista vera che in oltre quindici anni di carriera ha dimostrato di saper abilmente spaziare dal pop al cantautorato passando per il rock, la trap, il soul e l’elettronica, la salentina è tornata in questi ultimi giorni con Un altro giorno sulla terra, primo anticipo di quello che sarà l’ennesimo album fuori dagli schemi della sua luminaria carriera.

Ritmi tribali e percussioni a non finire si uniscono in un coro unisono con l’orchestrazione più tradizionale per dar vita all’ennesimo gioiellino musicale frutto di chi la musica la sa fare davvero. E non è un caso, infatti, che sia la stessa Dolcenera a scrivere, comporre e produrre tutta sola anche questa nuova prova musicale che la incorona nuovamente come assoluta regina della ricerca e della sperimentazione dell’oggi. È, infatti, l’attenzione assoluta al suono, la ricerca maniacale all’effetto desiderato a contagiare e a catturare l’ascoltatore che non può che sentirsi pervaso da quella “voglia di vivere” di cui racconta anche un testo meno enigmatico delle ultime proposte della salentina.

Se per quest’estate stavate cercando ritmo ma anche una proposta innovativa lontana dal reggaeton ormai totalizzate avete trovato ciò che fa per voi. Dolcenera è tornata e con il suo Un altro giorno sulla terra dimostra, ancora una volta, che c’è una grande differenza tra chi la musica la sa fare e chi, invece, non ha alcuna alternativa se non ricalcare ciò che già circola.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.