Francesco Renga nei panni di Peter Pan con l'album "Scriverò il tuo nome" - Recensiamo Musica

Francesco Renga nei panni di Peter Pan con l’album “Scriverò il tuo nome”

Francesco Renga è definitivamente affetto della sindrome di “Peter Pan” e con questo nuovo album ce ne ha dato prova: fa una musica più “giovane” ora che è alla soglia dei 50 di quando ha iniziato a fare musica sul serio. Tutti ce lo aspettavamo a Sanremo 2016 ed, invece, il suo nuovo album, Scriverò il tuo nome, è uscito ad aprile e ad ascoltarlo si capisce benissimo il perché della sua assenza dall’Ariston. Questo nuovo album del cantante bresciano non ha nessun brano adatto al Festival della canzone italiana per quanto riguarda le sonorità. Se tutti conoscono Renga per le ampie ballate dalle ballate dal grande respiro, per la voce sempre in primo piano o per una non banalità nei temi sia testuali che melodici questo album presenta un artista totalmente nuovo. Scriverò il tuo nome è l’antitesi dei primi album del nostro bel Francesco e l’estremizzazione di Tempo Reale dove qualcosa di simile si era già potuto assaporare.

Francesco Renga (scriverò il tuo nome)Che Francesco Renga stesse cercando una riconsacrazione negli ultimi anni lo si era capito: partita in sordina la sua carriera l’aveva portato a vincere il Festival di Sanremo nel 2005 con quella perla di Angelo e ad essere considerato uno dei migliori cantanti italiani per tecnica e vocalità. Con gli anni era tornato ad occupare la sua nicchia apparendo di tanto in tanto nella riviera dei fiori ma senza troppi acuti: gran bella voce, repertorio che poteva andare dell’orchestrale fino al pop-rock più convinto ma risultati piuttosto magri. Nel 2014 la svolta: torna all’Ariston con una canzone di Elisa (Vivendo adesso) che lo rende più pop e commerciale che mai. Seguono un disco, Tempo reale, che domina le classifiche per oltre un anno e un tour che colleziona un sold out dietro l’altro. Francesco sembrava essere riuscito a sfoderare un disco di quelli furbi: singoli ben piazzati, ottimi per le radio e per le classifiche, alternati a brani più “Renga-style”, pane non per tutti i denti ma che si confondevano tra le facili melodie e le storie d’amore.

Ricordate tutti il successone Il mio giorno più bello nel mondo, successone che impazzò in tutte le radio nell’estate 2014? Ebbene Francesco deve essersi fatto prendere la mano da quel mondo credendo che realizzando un disco fatto su misura di quel brano potesse essere il mezzo perfetto per consolidare quel successo ottenuto con l’ultimo lavoro. E, invece, non è andata proprio così. Questo album ha un solo minimo comune denominatore dall’inizio alla fine: voce messa al servizio di melodie sempliciotte, testi sull’amore in ogni sfaccettatura eccetto qualche raro accenno al corso della vita, doppie voci in qualsiasi ritornello e una costante presenza di suoni ritmici ed electro-pop. Addio alle ballate, addio alla voce potente, addio alla varietà musicale e tematica, addio all’orchestrazione. Addio a Francesco Renga versione Angelo per dirla velocemente. E Renga_2016_ufs2.jpg_997313609va bene, facciamocene una ragione e col cuore spezzato passiamo a dire che cosa si può ascoltare allora in questo album così “giovine”. Non c’è granché da dire vista l’uniformità che il buon Michele Canova Iorfida alla produzione ha confezionato: si parte da Guardami amore, singolo di lancio e che azzarda delle impegnative rime “amore-sole”, manca giusto il verso che termini con “cuore”. Daje Francè, e questo sarebbe il miglior pezzo da proporre come apripista all’album? Mah…

Ma questo non è che il battesimo di questa virata sensibile verso sonorità ben distanti dalle radici di quest’interprete. Con 13 maggio, Rimani così e Il bene, le cose peggiori di questo disco (e la seconda è pure stata scelta come singolo) il tutto si concretizza e la tentazione di cambiare disco si fa forte. Sull’onda apparentemente meno contaminata dai suoni “moderni” ma con quindicimila voci in sovrapposizione stanno invece Perfetto, Migliore, A meno di te e Cancellarti per sempre.

Le cose migliori stanno dove i suoni si fanno più “puri”, la voce torna ad affacciarsi alla finestra e i testi cercano un qualche nuova rima. Scriverò il tuo nomemantiene quell’elettronica in sottofondo a voler specificare ancora una volta che oggi un disco senza renga-2016una qualche traccia di quei suoni non può esistere, ma perlomeno funziona e si fa canticchiare. Estive come poche ma non banali sono, invece, I nostri giorni (e, infatti, l’ha scritta Nek che di certe cose ne sa parecchio) e L’amore sa, davvero una delle cose più gradevoli di questo album con un ritmo trascinante (e anche qui l’autore non mente: Francesco Gabbani vi dice niente riguardo a melodie accattivanti?). Su tutte spiccano, però, due gioiellini che sembrano essere in grado di riportarci al passato prima di frantumare ogni speranza lasciando, tuttavia, un mezzo sorriso visto la piccola novità che portano con sé (piccolissima a dire la verità). Sulla pelle racconta il passare del tempo facendo riferimento a scene quotidiane e con un testo di quelli che vale (almeno rispetto agli altri), peccato per quell’odioso vizio di mettere sempre almeno 2 controvoci in qualsiasi cosa. Perfetta è, invece, Spiccare il volo, unico vero brano degno di nota.

Che dire nel complesso di questo album? Banalotto, troppo uniformato, troppo giovane per un uomo e un artista con la carriera di Renga… ma cosa non si farebbe per vendere qualche copia in più? Ma credo che questo non venderà quanto il precedente se continua così: il pubblico non è sempre stupido. Mi auguro che Francesco torni in sé e torni a “prendere la corsa e poi spiccare il volo”. Il disco è belloccio ma lui si merita decisamente di più musicalmente parlando. Voce wow in ogni occasione, collaborazioni importanti e una ritrovata visibilità ha bisogno di poter essere “diverso” dalla massa uniformata a un qualche modello di successo ripetuto all’infinito fino a quando qualche altro “big” non ne troverà un altro.

Migliori tracce: Spiccare il volo

Voto complessivo: 7.7/10

Qui potete ascoltare la nostra video-recensione con i voti ai singoli brani

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci.

Loading Facebook Comments ...

3 pensieri riguardo “Francesco Renga nei panni di Peter Pan con l’album “Scriverò il tuo nome”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *