La roulette russa del Festival di Sanremo 2018: c’è o no il colpo in canna?

Manca nemmeno un mese alla chiusura del cast: a che punto è Claudio Baglioni?

Manca poco, anzi pochissimo. È un dato di fatto. I giochi per Sanremo 2018, almeno per quanto riguarda il cast, stanno per chiudersi eppure l’impressione è che mai come quest’anno nulla sia certo e definito. A chi Claudio Baglioni vorrà riservare un posto nel suo Festival? Difficile dirlo visto che non sono molte le certezze che il neo-direttore artistico ha lasciato intuire e trapelare a proposito delle sue scelte. Baglioni in queste settimane ha avuto davanti una roulette russa: un solo colpo nella canna di una pistola che, contrariamente a quando si mette in gioco la vita, nel suo caso rappresenterebbe la possibilità di realizzare un Festival fuori dagli schemi con un cast importante, forse anche poco popolar-commerciale ma di sicura qualità. Tutti gli altri colpi, però, sono lasciati senza proiettili e se il buon Claudio avesse (non proprio casualmente nel suo caso) trovato proprio uno di questi cadremmo nel già visto e sentito (magari per accumulare qualche ascolto in più). Per come tira il vento l’ipotesi più probabile pare proprio la seconda: nemmeno Baglioni sembra esser riuscito a cambiare Sanremo che, d’altronde, è sempre lo stesso da quasi 70 anni. A dirlo sono le voci che circolano e, con più certezza, le evidenti e note personalità che circondano il cantautore nelle varie commissioni. Se è vero che Claudio voterà con lo stesso peso di tutti gli altri componenti allora, anche volendo (e personalmente dubito che voglia), cosa potrebbe fare contro gli interessi discografici e aziendali ampiamente rappresentati nella commissione artistica da personalità che musica non l’hanno mai fatta in prima persona ma che, tutt’al più, organizzano live, eventi o programmano la pubblicazione di album e singoli? Ciò che è pressoché certo è il fatto che oramai i brani sono stati quasi tutti già fatti arrivare alla commissione artistica che ha ormai pochissimo tempo per accaparrarsi qualche altro, eventuale, “colpo grosso”. Ma chi saranno i 20 big che con più probabilità vedremo il prossimo febbraio in scena all’Ariston? Abbiamo cercato di fare un po’ di chiarezza facendoci largo tra indiscrezioni e voci di corridoio delle etichette discografiche e addetti ai lavori. Ecco cosa ne abbiamo ricavato:

NoemiIl nodo cruciale parrebbe essere talent si o talent no. A giudicare dalle scelte fatte tra i giovani verrebbe da dire no (solo 2 sui 16 nomi delle possibili Nuove Proposte provengono dalla TV) e, in particolare modo, il no si farebbe particolarmente pronunciato verso gli “Amici di Maria de Filippi”. Ad ogni modo c’è ragione di credere che tra i big la musica cambierà: si ai talent, anche se magari in misura minore rispetto all’era Conti, e nessun veto ai talenti televisivi della regina di Canale 5. A proposito di ex talent show è praticamente certa la presenza di Noemi prodotta da Diego Calvetti (qui ogni dettaglio) che parrebbe essere anche l’autore del brano pop old (ma contemporaneamente anche new) style proposto alla commissione. Se la rossa può vantare una presenza pressoché scontata tutti gli altri sono destinati a farsi la guerra per guadagnare un posto prezioso tra i 20: Annalisa vorrebbe essere nuovamente della partita ma la veste tutta electropop potrebbe farle da deterrente rispetto ai gusti di Baglioni che, invece, parrebbe più interessato ad Elodie, anch’ella prodotta da Michele Canova Iorfida (come svelato qui) e con alle spalle uno staff davvero eccezionale (anche se il brano proposto non è, come erroneamente s’è detto, di Tiziano Ferro), e a Deborah Iurato, che grazie alla sua classicità vocale potrebbe convincere il direttore artistico controbilanciando un percorso non troppo scintillante finora. La voce siciliana ha cambiato produttore e parte del team autorale anche se, il brano proposto, porterebbe a quanto si sa la firma di Giovanni Caccamo con cui duettò nel 2016.

Sempre da Amici arriveranno certamente i tentativi di Thomas e Federica Carta con il primo in netto svantaggio rispetto alla seconda che, secondo quanto annunciato in anteprima da All Music Italia, si sarebbe accalappiata un duetto con i La Rua che, sicuramente, sarebbero la forza predominante nel brano in pieno stile new-folk. Da X-Factor arriverà sicuramente il tentativo di Lorenzo Fragola, che ha in serbo un nuovo progetto fortemente innovativo per il suo repertorio, e, eventualmente, del neo-vincitore/vincitrice che, però, potrebbe avere vita piuttosto dura a meno che RTL 102.5, nuova radio-partner dello show, non si faccia valere davvero.

Ci proveranno anche Lele, Marco Carta (che malgrado le smentite il brano, firmato da autori presenti anche nel suo ultimo progetto discografico, l’ha presentato eccome) e Valerio Scanu pur senza alcuna possibilità concreta se non, forse, per quest’ultimo. Il cantautorato di Pierdavide Carone potrebbe essere apprezzato da Baglioni permettendone quindi il ritorno dopo 6 anni dalla comparsa con Lucio Dalla, dalla quale il ragazzo pugliese non ha più pubblicato alcun album.

I due colpi grossi, però, sarebbero quelli di Alessandra Amoroso ed Emma che in molti vorrebbero sul palco dell’Ariston. Entrambe hanno un album in lavorazione e sicuramente la commissione ha rivolto loro un invito. La seconda non sarebbe certo nuova alla kermesse con già 2 partecipazioni all’attivo, un’esperienza da co-conduttrice, una partecipazione come ospite e una come autrice. La prima, al contrario, non ha mai partecipato alla gara (l’unico vero nome di rilievo dei talent italiani a non averlo fatto finora) pur vantando due ospitate. Se la Marrone è probabilmente da escludere, malgrado le vendite in calo, visto il progetto colossale e abnorme che ha in cantiere e che, forse, non è adatto a Sanremo, la Amoroso potrebbe essere finalmente della partita per celebrare il decennale di carriera in grande stile: tutto sta a lei e alla sua etichetta, sempre piuttosto restia ad esporre il suo successo ad un rischio comunque così elevato.

arisaAl di fuori del mondo televisivo altrettanti sono i nomi che circolano fin da ora e diverse sono già le certezze che si possono mettere in campo: Arisa sarà il jolly della Sugar Music che è pronta a scommettere su di un suo rilancio in grande stile (non è nemmeno così impensabile che per la prima volta dopo ben 5 partecipazioni la cantante partecipi alla kermesse con una canzone non firmata da Giuseppe Anasatasi) visto che Malika Ayane questa volta non sarà della partita come nemmeno Raphael Gualazzi. Ci proverà, invece, ma decisamente come meno chance Giovanni Caccamo, già da alcuni mesi al lavoro sul suo terzo album d’inediti.

Altra certezza da dare pressochè per assodata è la presenza di Loredana Bertè, prima vera big che Baglioni riporterebbe all’Ariston per lanciare il suo nuovo disco d’inediti (il primo dopo 12 anni) a cui sta lavorando già da diversi mesi con Fiorella Mannoia, sua produttrice artistica. Per quanto riguarda le vecchie glorie che Baglioni certamente tenterà di portare all’Ariston (la commissione glielo permetterà?) circolano insistentemente i nomi di Fausto Leali, sempre escluso negli ultimi anni, Amedeo Minghi & Mietta, nuovamente insieme dopo 27 anni da Vattene amore, e Marcella Bella & Mario Biondi, che dall’ultimo album dell’interprete hanno escluso appositamente un brano pensato per il Festival. Tra tutti loro, però, le possibilità più verosimili sono per Antonella Ruggiero, che ha rimandato appositamente l’uscita di una colossale raccolta discografica arricchita da qualche rarità (e allora perchè non metterci l’inedito?), e la reunion dei Decibel che, tornati con Enrico Ruggieri, son pronti a diventare i nuovi Pooh per il 2018.

A proposito di band e di reunion pare che anche Le Vibrazioni abbiano trovato la giusta misura con l’estro del leader Francesco Sarcina con cui sarebbero nuovamente pronti a scompigliare il palco dell’Ariston dopo la parentesi solista di quest’ultimo durata qualche anno. Possibile anche la presenza dei Thegiornalisti che se Baglioni fosse attento mediaticamente non si fa farebbe scappare accontentando anche un’etichetta come Carosello che negli ultimi tempi sta facendo la voce grossa (l’altra gemma, Levante, invece non ci sarà sicuramente, almeno per quest’anno). A proposito di piccole ma importanti etichette indipendenti occorre ricordare l’Isola degli artisti che ha ricevuto dalla commissione un invito per Simona Molinari che, se dovesse avere il brano giusto, sarebbe già nel cast sfavorendo, di fatto, un eventuale ingresso di Amara (magari con qualche duetto), già esclusa in extremis lo scorso anno. L’altro invito che la commissione ha rivolto è andato a Luca Barbarossa, caro amico di Baglioni che difficilmente rifiuterebbe un’occasione simile.

Per la serie “anniversari importanti” ci proverà, non si sa con quale incisività, Alex Britti, che festeggerebbe così i 20 anni da It.pop, ma, ben più lussuoso sarebbe il rilancio di Anna Oxa proprio al Festival laddove ella debuttò 40 anni fa con Un’emozione da poco. Mentre per il primo il tentativo verrà fatto non è dato sapere se la seconda conserva ancora la volontà di presenziare alla kermesse ligure certo è che, se così fosse, dirle di no sarebbe una grave colpa per uno come Baglioni. Più probabile, anzi, certa che si presenti Silvia Mezzanotte che da mesi sta lavorando al suo album 5.0 per celebrare i suoi 50 anni con alcuni degli autori più illustri della scena musicale italiana. Come ripartenza, invece, è annoverabile la proposta di Roby Facchinetti e Riccardo Fogli che, nonostante le smentite, un brano l’hanno presentato con la produzione di Diego Calvetti. Più difficoltoso, invece, il tentativo di Dodi Battaglia che orfano dei Pooh difficilmente troverà spazio all’Ariston.

Tra i nomi più giovani spiccano il ritorno di Anna Tatangelo, che potrebbe essere la voce femminile di un nuovo duetto per Giovanni Caccamo che ha partecipato al nuovo album di lei (in lavorazione), Gianluca Grignani, da qualche tempo al lavoro per un rilancio che l’Ariston da sempre gli ha consentito, Alexia, che ha Baglioni ha già portato ben 3 brani prodotti da Mario Lavezzi, Fabrizio Moro, probabile certezza di ritorno dopo l’ottima partecipazione dello scorso anno (l’album è già annunciato per marzo), L’Aura, che ha messo da parte un brano firmato da Luca Chiaravalli, Nina Zilli, decisamente bisognosa d’ossigeno (e magari di una boccata di ritrovata classicità), Bianca Atzei, che da un anno rimanda la pubblicazione dell’album che dovrebbe confermare il successo dello scorso febbraio proprio a Sanremo con Ora esisti solo tu, e Dolcenera, che il pezzo giusto per lanciare il nuovo album pare averlo trovato. Il colpaccio vero e proprio, però, sarebbe il ritorno in gara proprio di Gianni Morandi che, malgrado abbia appena pubblicato il disco, non è detto abbia rifiutato l’invito di Baglioni. Anzi. Con un importante tour in partenza una buona pubblicità sul palco dell’Ariston non farebbe di certo male e poi l’album contiene appena 9 brani, tutto sta nel capire quale autore potrebbe aver scritto il 10°. Dallo scorso anno dovrebbe arrivare il tentativo del nuovo Francesco Tarducci, all’epoca ancora Nesli, che sta lavorando all’ultimo capito della sua trilogia musicale.

Tra le possibilità più innovative (ma anche difficili) dell’edizione compaiono i nomi de Le Deva, che si son proposte con un brano dal peso specifico importante firmato da una penna ormai d’autorità, Sister Cristina, che ci prova non sapendo che cosa aspettarsi, Baby KBriga, che si giocano forse l’unica quota rap possibile, Luca Carboni, mai sceso a patti con il Festival ma che, chissà, potrebbe giocarsela questa volta, e i The Kolors, per i quali occorrerebbe capire se è più forte la coerenza artistica o la voglia di tornare in auge mediaticamente dopo un album poco fortunato. Tra le voci che girano sempre più insistentemente, tra l’altro, c’è quella che vorrebbe in scena uno strano duetto tra un affermato autore/autrice ed un personaggio dello spettacolo. Staremo a vedere.

Questi in definitiva i 20 nomi su cui, al momento, ci sentiamo di giocare la schedina (escludendo gli eventuali colpacci di Alessandra Amoroso, Gianni Morandi ed Emma per i quali Baglioni dovrà mettere in campo le migliori armi di seduzione):

  1. Noemi
  2. Loredana Bertè
  3. Fabrizio Moro
  4. Marcella Bella & Mario Biondi
  5. Arisa
  6. Le Vibrazioni
  7. Decibel
  8. Federica feat. La Rua
  9. Dolcenera
  10. Nina Zilli
  11. Bianca Atzei
  12. Elodie
  13. Gianluca Grignani
  14. Simona Molinari
  15. Thegiornalisti
  16. Fausto Leali
  17. Lorenzo Fragola
  18. Deborah Iurato
  19. Antonella Ruggiero
  20. Luca Barbarossa
The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci.

Ilario Luisetto

Direttore di “Recensiamo Musica” e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *