“Mi parli piano” è il nuovo singolo di Emma – Testo

Nuovo estratto dall’album “Essere qui”

Emma - Essere qui

In radio da venerdì 4 maggio arriva “Mi parli piano”, terzo singolo di Emma estratto dall’ultimo album di inediti “Essere qui” (di cui qui la nostra recensione), uscito lo scorso 26 gennaio per Universal Music e certificato disco d’oro dalla Fimi, dal quale già sono stati estratti come singoli i braniL’isola ed Effetto domino.

Il brano, scritto da Roberto Casalino e da Davide Simonetta, già presentato live durante l’ultima puntata del serale di “Amici di Maria de Filippi” (in cui Emma si è lasciata andare anche ad uno sfogo sulle vendite deludenti di questo progetto), sarà accompagnato da un videoclip ufficiale girato a Las Vegas, dove l’artista salentina si trovava per la “Latin Music Week”.

Nel frattempo Emma si sta preparando per partire in giro per l’Italia con il suo “Essere qui Tour” che inizierà il 14 maggio con una speciale data zero al Pala Arrex di Jesolo per poi proseguire nei palasport delle principali città italiane (sotto tutte le date

Le date:

  • 14 maggio Jesolo, Pala Arrex – DATA ZERO
  • 16 maggio Roma, Pala Lottomatica
  • 18 maggio Assago (Mi) Mediolanum Forum
  • 19 maggio Torino, Pala Alpitour
  • 21 maggio Padova, Kioene Arena
  • 23 maggio Firenze, Nelson Mandela Forum
  • 26 maggio Acireale, Pal’Art Hotel
  • 28 maggio Napoli, Pala Partenope

Testo “Mi parli piano”:

La felicità è un’idea semplice
Davanti ai tuoi occhi
Tra l’aria che respiri
E quella che
Difficilmente trattieni
Abbiamo già un vissuto
Che a dire il vero
Somiglia più ad un conflitto
Il cuore spesso offeso
Da un dito che
Tu mi hai puntato al petto
Se gli occhi non riescono
A raccontarti ciò che vedi
Proverò io a dirtelo
Perché all’evidenza non ci credi
È troppo tempo che mi parli piano
Son troppi gli anni che ci conosciamo
Avremmo messo su un palazzo intero
E invece ci divide un muro
È troppo tempo che mi parli piano
O sei un ricordo lontano
È amore o solo un’ossessione
È un vento caldo
Troppo caldo che si muore
È caldo che si muore
Gioco a far la guerra
Perché l’amore non mi ha mai dato tregua
Ma se ti avrò di fronte ancora un’altra volta
Nel dubbio, farò la cosa più giusta
Se gli occhi non riescono
A raccontarti i miei pensieri
Proverò a descriverli un po’ tutti
Anche quelli più neri
È troppo tempo che mi parli piano
Son troppi gli anni che ci conosciamo
Avremmo messo su un palazzo intero
E invece ci divide un muro
È troppo tempo che mi parli piano
O sei un ricordo lontano
È amore o solo un’ossessione
È un vento caldo, troppo caldo che si muore
Siamo qui
Tra un passo incerto e l’utopia di un equilibrio ritrovato
Noi siamo qui
In un percorso parallelo
Ci tocchiamo senza mai incontrarci
Se gli occhi non riescono
A raccontarti ciò che vedi
Proverò io a dirtelo
Perché all’evidenza tu non credi
È troppo tempo che mi parli piano
Son troppi gli anni che ci confondiamo
Avremmo messo su un palazzo intero
E invece ci divide un muro
È troppo tempo che mi parli piano
O sei un ricordo lontano
È amore o solo un’ossessione
È un vento caldo, troppo caldo che si muore
È caldo che si muore
Attento che si muore
The following two tabs change content below.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.