Ritorno al tema della vita reale per Elodie in “L’imperfezione della vita”

Sono già passati più di tre mesi dal termine della quattordicesima edizione di Amici di Maria de Filippi da cui Elodie è uscita come seconda classificata dietro a Sergio Sylvestre. Da quell’esperienza, però, l’interprete dai capelli rosa è uscita con ben di più che con il solo premio della critica e la medaglia d’argento: Elodie si è portata a casa un contratto discografico importante con la Universal Music, un disco contornato di firme di lusso (Fabrizio Moro, Francesco Renga, Federica Abbate, Emma, Ermal Meta) una produttrice di forte impatto come Emma (sua coach nel talent che si è dimostrata anche capace di saperci fare nelle vesti di produttrice musicale) che le ha dato anche la possibilità di aprire i suoi concerti nei palazzetti più importanti d’Italia, l’amicizia di Loredana Bertè che l’ha coinvolta anche nel suo concerto-evento all’Arena di Verona assieme alle più grandi voci femminili d’Italia e il riconoscimento di essere un’interprete dotata di una di classe e di un timbro vocale come pochi.

elodie1E’ arrivato ora per lei il momento di lanciare il nuovo singolo dal suo primo album, Un’altra vita (qui la mia video-recensione), ormai prossimo al disco di platino per le vendite. Dopo l’estivo Amore avrai che è risultato fin troppo asettico ed insignificante per un’interprete come lei vista l’alta dose di “già sentito” che conteneva, il nuovo estratto è L’imperfezione della vita già caro al pubblico fin dal lancio dell’album visto che ha presenziato per qualche tempo nelle classifiche pur non essendo singolo.

La firma è quella di Federica Abbate che si conferma essere l’autrice dell’anno e che dona ad Elodie un brano che torna a farle cantare della vita nei suoi lati più bui: si parla di paure, di difficoltà, errori e passi falsi mettendo da parte l’ormai eccessivamente usurato termine “amore”. Ed è in questo campo che Elodie riesce a tirare fuori il meglio di sé nell’interpretazione mettendo a disposizione del brano la sua esperienza di vita, il suo colore sporco nella voce e la sua classe vocale che la contraddistingue. A delle strofe ricche di parole che tracciano un racconto che parte e si conclude dicendo “quanto costa la paura di non essere un vincente” si contrappone un ritornello estremamente scarno e che ripete n volte il solo verso “l’imperfezione della vita” seguendo il trend degli ultimi tempi che sempre di più propone dei ritornelli così strutturati. L’effetto positivo della scelta è l’orecchiabilità estrema che ne risulta consentendo un’immediatezza perfetta per le radio; ciò che fa storcere il naso, invece, è il rammarico di non aver elodie2sfruttato l’ottima occasione per non aver completato l’ottimo lavoro di scrittura avviato nelle strofe per creare un qualcosa di più organico. Punti di vista, ciò che importa è che il brano in sé funziona anche grazie ad un bridge che per quanto possa essere riduttivo funziona e da linfa vitale a tutto il brano.

Un passo in avanti rispetto al singolo estivo (ma d’altronde l’estate non può essere la stagione di una voce di questo spessore) anche se le distanza rimangono palpabili da quel capolavoro cantautorale che era “Un’altra vita” che grazie a Fabrizio Moro ha fatto sbocciare questa gemma preziosa dalla voce nera.

VOTO: 8+/10

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci.

Ilario Luisetto

Direttore di “Recensiamo Musica” e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *