Sanremo 2018: la scheda di Bungaro – Tutto quello che c’è da sapere

Precedenti al Festival, giudizi della stampa, quote dei bookmakers, album, tracklist, autori e testo del brano

PARTECIPAZIONI A SANREMO:

vanoni-bungaro-pacificoOttava partecipazione al Festival di Sanremo per Ornella Vanoni che, finora, non ha mai conquistato la vittoria del leoncino d’oro. L’esordio arriva nel 1988 quando propone il brano Sarà forte per il circuito dell nuove proposte facendoci poi ritorno nel 1991 con il brano E noi qui per il quale duetta con Mario Conidi e Rosario Di Bella.

La consacrazione arriverà, poi, nel 2004 con il brano Guardastelle con cui si classifica al 4° posto finale tra i Big. Al Festival è stato presente anche in veste di autore nel 2011 per il brano di Giusy Ferreri, Il mare immenso.

IL BRANO:

Per la sua nuova partecipazione alla kermesse ligure Ornella Vanoni torna in gara in trio con Bungaro e Pacifico per la canzone Imparare ad amarsi, scritta in collaborazione con Bungaro, Cesare Chiodo e Antonio Fresa.

COME NE PARLA LA STAMPA:

“La voce della Vanoni è garanzia. Novità non ce n’è, l’eleganza sì. («Bisogna imparare ad amarsi in questa vita»). VOTO: 8” [Rita Vecchio, Il Messaggero]

“Com’è difficile amarsi, perdonarsi e soprattutto lasciarsi quando è finita. Ornella lo canta con la sua voce suadente e limpida” [Gabriella Mancini, Gazzetta.it]

“Ornella Vanoni ha il taglio giusto per Sanremo con “Imparare ad amarsi”, Bungaro e Pacifico” [Marco Mangiarotti, QN]

“Anche sola, Ornella si sarebbe fatta notare per carisma, interpretazione, capacità di entrare nei testi altrui. Lo strano trio è tra le proposte più interessanti. Voto: 7.5” [Luca Dondoni, La Stampa]

“Infine ci sono i fuori quota e Ornella Vanoni è sempre la Vanoni: brividi e complimenti alla classe del brano con Bungaro e Pacifico” [Paolo Giordano, Il giornale]

foto_Vanoni-Bungaro-Pacifico 1“È senza dubbio un brano che rende giustizia al carisma e all’eleganza della Vanoni. Intro al piano e un ambiente musicale ricercato. Un invito a godersi il presente così com’è (Bisogna imparare ad amarsi in questa vita)” [Billboard Italia]

“Bisogna imparare ad amarsi, a lasciarsi e «a vivere ogni istante fino all’ultima emozione, così saremo vivi». La classe non è acqua, e madame entra con leggerezza come una ragazzina e in un brano snello ed elegante, come lo sono Bungaro e Pacifico che l’hanno scritto e che si inseriscono con discrezione con le loro voci. La vita è, comunque, bella. In duetto con l’attore Alessandro Preziosi” [Avvenire]

“Nessun giudizio perché questa canzone ci dà la possibilità di vedere Ornella Vanoni che si esibisce dal vivo. Non scherziamo. Pure l’alfabeto Ornella può cantare. Voto: love, love, love. Frase epica: “Conservo l’infanzia, la pratico ancora, la seduzione mi affascina sempre”. Ornella che intona questa frase vale tutta la canzone” [Maria Elena Barnabi, Cosmopolitan]

“da ‘Imparare ad amarsi’ dove Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico dispensa consigli di vita con il suo stile raffinato e una voce che non tradisce gli anni passati (“bisogna imparare ad amarsi in questa vita/bisogna imparare a lasciarsi quando è finita/e vivere ogni istante fino all’ultima emozione/così saremo vivi”)” [Antonella Nesi, Adnkronos]

“Anche in questo caso la classe non acqua. Paradossalmente le strofe risultano estremamente moderne e la Signora della Canzone è a suo agio nell’interpretazione di un brano che non ha età. Molto limitato l’intervento vocale di Pacifico, mentre Bungaro ci mette del suo con dei vocalizzi inconfondibili. La sezione più debole è l’inciso che… non incide. Colpisce poco e risente di un testo che non è tra i punti di forza del brano… “Bisogna imparare a lasciarsi quando è finita.”” [Simone Zani, All Music Italia]

“Probabilmente la più bella canzone in gara. O una delle più belle, con quella di Ron e dei Decibel. Farina del sacco di Bungaro e Pacifico, che giustamente Ornella si è portata dietro (anche se si sente solo Bungaro). Nel Festival dei soli uomini e dei quarantotto anni di età media meriterebbe la vittoria al televoto, tanto per dimostrarci che a volte il popolo non è bue” [Michele Monina, Rolling Stone]

“I due coautori (a cui nella serata del venerdì si aggiungerà Alessandro Preziosi) fanno da testimonial alla prova d’autore di nostra signora della canzone, alle prese, finalmente, con una canzone adatta alla sua età e al suo carisma: «Giorno per giorno/ senza sapere/ cosa mi aspetta/ non è in mio potere/… ma voglio vedere». Applausi. Voto: 7” [Federico Vacalebre, Il Mattino]

“Una grande interprete e due importanti autori per uno dei brani più eleganti del Festival. “Bisogna imparare ad amarsi in questa vita, bisogna imparare a lasciarsi quando è finita”. Lezione di vita. Una bella canzone italiana” [Andrea Conti, RTL 102.5]

“La protagonista è lei con tutta la sua storia. Bungaro e Pacifico si sentono poco, ma forse è giusto così per un brano, Imparare ad amarsi, molto classico e femminile. Da Sanremo anni ’70 che non è detto sia poi un male” [Paola Gallo, Radio Italia]

“Voto: 7” [Mela Giannini, Fare Musica]

“Chiuderemo gli occhi e proveremo l’impresa di Imparare ad amarsi a cui c’invitano Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico (cui si aggiungerà per una sera Alessandro Preziosi): «Gabbia di ossa, libero il cuore, hai preso dolcezza da ogni dolore, conservo l’infanzia, la pratico ancora. E la seduzione mi affascina sempre. (…) E in fondo sentire che esisti, felicità, abbracciami ancora una volta mi basterà»” [Silvia Gianatti, Vanity Fair]

VOTO MEDIO DELLA CRITICA AL PRIMO ASCOLTO: 7.5/10 (3° posizione generale)

QUOTE SNAI PER LA VITTORIA: 20.00 (14° posizione generale)

Bungaro MaredentroOSPITE DUETTANTE  PER LA SERATA DEL GIOVEDI’: Alessandro Preziosi

IL NUOVO ALBUM:

Uscirà dopo il Festival la riedizione del precedente album del cantautore, Maredentro.

Tracklist con [autore testo – compositore musica]:

TESTO DEL BRANO:

IMPARARE AD AMARSI
di Pacifico, Bungaro, Cesare Chiodo, Antonio Fresa
Edizioni Music Union/Edizioni Curci/Nuove Arti/Onda Edizioni Musicali – Milano

Bisogna imparare ad amarsi in questa vita
Bisogna imparare a lasciarsi quando è finita
E vivere ogni istante fino all’ultima emozione

QUI IL TESTO INTERO

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.