Sanremo 2018: la scheda de Lo Stato Sociale - Tutto quello che c'è da sapere

Sanremo 2018: la scheda de Lo Stato Sociale – Tutto quello che c’è da sapere

Precedenti al Festival, giudizi della stampa, quote dei bookmakers, album, tracklist, autori e testo del brano

PARTECIPAZIONI A SANREMO:Lo stato sociale - Una vita in vacanza

Lo Stato Sociale sarà in gara al Festival di Sanremo per la prima volta in carriera dopo 9 anni di attività e 3 album d’inediti pubblicati.

IL BRANO:

Per questa partecipazione Lo Stato Sociale porterà in gara il brano Una vita in vacanza.

COME NE PARLA LA STAMPA:

“Radiofonia pura. Il dilemma è: lavorare o andarsene in vacanza? E per la risposta scomodano influencer, cuochi e il “rottamatore”. Voto: 7” [Rita Vecchio, Il Messaggero]

“Armonia dance, orecchiabile e spensierata, testo sui problemi del lavoro precario con parolaccia e desiderio di fuggire in vacanza. “… e nessuno che rompe i c…/e nessuno che dice sei fuori”. Radiofonica. Voto: 6.5” [Gabriella Mancini, Gazzetta dello Sport]

“I peggiori? Lo Stato Sociale: elenco del telefono di categorie, quotidiane e politiche, da rottamare. Perché lo fai, perché non te ne vai? Rispedito al mittente. “Una vita in vacanza” non è politica, non è ironica, canta il nulla in cui nuotiamo (infelici)” [Marco Mangiarotti, QN]

“Qualunquismo allo stato puro e una canzoncina senza un perché fanno pensare con nostalgia a Rino Gaetano e un modo intelligente di entrare e uscire dal «sociale»” [Luca Dondoni, La Stampa]

“Invece allo Stato Sociale spetta il (piccolo) premio provocazione: in Una vita in vacanza c’è una parolaccia («cogl…») e allusioni in stile Rino Gaetano a «rottamatore», «esodato» e a una vaga voglia di astensione alle elezioni” [Paolo Giordano, Il giornale]

“L’Ariston e il pubblico a casa si preparino finalmente a ballare con un divertente ritmo dance primi Anni 80 con un sottofondo di denuncia sociale. Band amata dai giovani, ma pronti a spiazzare anche gli adulti elencando i mestieri di oggi, il candidato, l’estetista, il caso umano, il pubblico in studio, il cuoco stellato, l’influencer, il disoccupato. Sognando un mondo dove non c’è «nessuno che dice se sbagli sei fuori». Tormentone da spiaggia assicurato” [Angela Calvini, Avvenire]

“La canzone electro che mancava al Festival di Sanremo finalmente è arrivata. Andrà in radio, ci farà ballare, è carina e fresca. Bravi Lo Stato Sociale. Non vincerà, ma sarà la vincitrice morale del Festival (forse). Voto: 9. FRASE EPICA: “Nessuno che rompe i coglioni, nessuno che dice se sbagli sei fuori”. Sarà il tormentone della primavera 2018. GARANTITO” [Maria Elena Barnabi, Cosmopolitan]

Mentre si candida a diventare il tormentone del festival – per la sua freschezza scanzonata ma anche per le potenziali polemiche in tempi di par condicio – ‘Una vita in vacanza’, il brano con cui Lo Stato Sociale porta a Sanremo un pezzo che è una sorta di inno all’astensionismo dal lavoro (contro il “vivere per lavorare”) ma che citando tra i mestieri anche quello del “rottamatore”, del “candidato”, del “nuovo che avanza” e dell'”esodato” sembra alludere anche al tirarsi fuori dalla cabina elettorale” [Antonella Nesi, Adnkronos]

“I primi 5 secondi con i violini fanno pensare ad un certo tipo di brano e poi… per magia eccoci trasportati in una dimensione parallela. Lo Stato Sociale gioca e si diverte. Suoni elettronici, parole e musica sono un’unica miscela esplosiva. Nonostante alcuni termini un po’ forti per il palco dell’Ariston (“Nessuno che rompe i coglioni” o “Una vecchia che balla”) rispecchia in pieno lo stile che la band ha proposto negli anni precedenti. Veramente una bella sorpresa che ricorda la spensieratezza di Gabbani e la voglia di divertirsi dei Perturbazione festivalieri! Voto: 7.5” [Simone Zani, All Music Italia]

Di colpo, dopo aver scelto Facchinetti e Beppe Servillo, qualcuno che vuole bene a Baglioni, non il classico Yes Man, ma proprio uno che gli vuole bene deve avergli fatto notare, magari con tatto, che siamo nel 2018. Gli avrà detto qualcosa tipo, guarda che esiste Spotify, lo streaming, i video, l’indie. Baglioni lo deve aver guardato come una mucca che mastica erba buona in un prato fuori Cork. Poi deve aver detto, è vero, quindi? Così tra i venti nomi ecco Lo Stato Sociale, che manderanno fuori di testa i ragazzini, sempre che sopravvivano a Red Canzian e alla Vanoni. Noi siamo giovani dentro, quindi ci piacciono anche quando sono più mainstream del solito” [Michele Monina, Rolling Stone]

“Ribelli diventati pompieri? Entristi situazionisti? Un po’ l’uno e un po’ l’altro? Quel che resta dell’Emilia paranoica e filosovietica sdogana la parola «coglioni» e riflette – ma si può riflettere nella terra dei cachi? – sul dilemma esistenziale: «Vivere per lavorare o lavorare per vivere»? Si può dare di più, certo, ma anche di meno, e almeno fanno ballicchiare tra i violini dell’Occidentali’s karma al tramonto. Voto: 7” [Federico Vacalebre, Il Mattino]

“Un quadro sociale per un brano super tirato disco pop che scatenerà non poco l’Ariston. “Una vita in vacanza una vecchia che balla” potrebbe travolgere totalmente i pronostici. Ricordate Gabbani?” [Andrea Conti, RTL 102.5]

Potrebbero essere la vera sorpresa del Festival. Una vita in vacanza è un elenco incalzante di professioni e non solo che rimangono in testa. Mai banali, la loro sequenza irresistibile potrebbero travolgerci. “Per un mondo diverso libertà e tempo perso” lo slogan della loro campagna elettorale musicale” [Paola Gallo, Radio Italia]

“Voto: 8” [Mela Giannini, Fare Musica]

E ancora se ha ragione la band bolognese Lo stato sociale in Una vita in vacanza, quando dice che viviamo per lavorare, più che lavoriamo per vivere: «Perché lo fai? Perché non te ne vai!»” [Silvia Gianatti, VanityFair]

VOTO MEDIO DELLA CRITICA AL PRIMO ASCOLTO: 6.98/10 (5° posizione generale)

QUOTE SNAI PER LA VITTORIA: 25.00 (16° posizione generale)Lo Stato Sociale Primati

OSPITE DUETTANTE PER LA QUARTA SERATA:

IL NUOVO ALBUM:

Verrà pubblicato il 9 febbraio, durante la settimana festivaliera, il nuovo album de Lo Stato Sociale dal titolo Primati. Il disco sarà una speciale raccolta dei maggiori successi del gruppo rivisitati e arricchiti, oltre che dal brano sanremese, anche da altri 3 brani inediti.

Tracklist con [autore testo – compositore musica]:

  1. Una vita in vacanza
  2. Sono così indie (2018 version)
  3. Fare mattina
  4. Facile
  5. Buona sfortuna (feat. Luca Carboni)
  6. Eri più bella come ipotesi
  7. Amarsi male
  8. Niente di speciale
  9. Io, te e Carlo Marx
  10. In due è amore in tre una festa
  11. C’eravamo tanto sbagliati
  12. La musica non è una cosa seria
  13. Abbiamo vinto la guerra
  14. Mi sono rotto il cazzo
  15. Quello che le donne dicono
  16. L’amore ai tempi dell’Ikea
  17. Pop

TESTO DEL BRANO:

UNA VITA IN VACANZA

di Lodovico Guenzi, Alberto Cazzola, Matteo Romagnoli, Alberto Guidetti, Enrico Roberto, Francesco Draicchio

Edizioni Garrincha Edizioni Musicali/EMI Music Publishing Italia – Medicina (BO) – Milano

“Perché lo fai?
Perché non te ne vai?
Una vita in vacanza
Una vecchia che balla
Niente nuovo che avanza
Ma tutta la banda che suona e che canta
Per un mondo diverso
Libertà e tempo perso
E nessuno che rompe i coglioni
Nessuno che dice se sbagli sei fuori”

 

TESTO COMPLETO QUI

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *