Sanremo 2018: le pagelle dei look della prima serata

I LOOK MIGLIORI E PEGGIORI DEL FESTIVAL

E’ iniziata la 68esima edizione del Festival di Sanremo e, come da tradizione, si sono accesi i riflettori non solo sulle canzoni in gara ma anche sui look scelti dai protagonisti della kermesse canora. Perché si sa, per noi italiani il Festival è l’evento dell’anno più atteso, una vera istituzione a cui proprio non riusciamo a rinunciare e che, diciamocelo, ci fa sentire per quelle 5 serate un pò tutti giudici spietati pronti a giudicare in bene o in male ciò che accade su quel magico palcoscenico, che si trasforma in una vetrina internazionale anche per gli stilisti. E poiché la moda a Sanremo non è mai un dettaglio, che Festival sarebbe senza le classiche pagelle dei look sfoggiati dai conduttori, cantanti in gara e ospiti?!
A fare gli onori di casa quest’anno troviamo una radiosa e splendida Michelle Hunziker, sulla quale saranno puntati tutti gli occhi in fatto di outfit essendo l’unica conduttrice donna, accompagnata dal capitano Claudio Baglioni e da un insolito, ma convincente, Pierfrancesco Favino.
E data la minima presenza di cantanti donne in gara (solo 4 su 20), estenderemo i nostri voti anche agli uomini del Festival, guardando oltre tacchi, paillettes e abiti da sera.
Vediamo quindi nello specifico chi, secondo il nostro personalissimo parere, merita di essere promosso o bocciato ed ora….Avanti con le pagelle!!!!

PRIMA SERATA
I look migliori :

Michelle Hunziker, Claudio Baglioni e Fiorello
Foto: ANSA

Michelle Hunziker: Decide di puntare sul sicuro indossando le griffe “amiche”, scegliendo per la prima serata degli elegantissimi abiti firmati Armani Privè. Colpiscono più di tutti il primo abito nero, con una scollatura da capogiro ma non eccessiva, che mette in risalto il fisico statuario e l’ultimo abito ricoperto di cristalli che noi troviamo meraviglioso e azzeccatissimo! VOTO 9

Claudio Baglioni: E’ Ermanno Scervino lo stilista scelto dal Direttore Artistico. Elegantissimo, raffinato, azzeccato. Papillon storto a parte. VOTO 8 e mezzo

Pierfrancesco Favino, Fiorello e Gabriele Muccino: Per l’occasione tutti vestiti da Re Giorgio (Armani) che non sbaglia mai un colpo. Classici smoking senza tempo. VOTO 8

Nina Zilli: Per lei un abito bianco di Vivienne Westwood couture. Fa un pò un effetto sposa con tutto quel pizzo e strascico ma per ora la promuoviamo. VOTO 7

Ornella Vanoni: Da una vera Signora della canzone italiana non potevamo che aspettarci una scelta di classe ed eleganza. Un completo bianco avorio di Antonio Riva decisamente all’altezza della situazione. VOTO 7

Annalisa: La giovane cantautrice (che spicca anche per età anagrafica in un Festival over 60…) ha indossato un abito nero di DSquared2 con profondo scollo a V, ma con un risultato un pò azzardato nell’abbinamento con delle scarpe troppo pesanti per l’occasione. Un pò in stile punk. Nonostante tutto apprezziamo il coraggio. VOTO 6 e mezzo

Noemi: Appare vestita con una tuta-pantalone a palazzo nera. Peccato per i lacci bustier sui fianchi che non fanno altro che mettere in risalto i fianchi non troppo armoniosi. Stilista non pervenuto, comunque il nero la salva. VOTO 6

I look peggiori :

The Kolors/Stash: la voce del gruppo, sceglie una giacca alquanto discutibile, probabilmente ispirato alla moda anni 90’. L’effetto che fa è da domatore di leoni di un circo. Non ci siamo proprio! VOTO 5

Max Gazzè: ha puntato su un total look firmato Gianluca Saitto. La giacca lunga luccicante con simboli alchemici però non si può proprio guardare. Rimandato alla seconda serata! VOTO 4

Foto: ANSA

Gianni Morandi: Ci dispiace per l’eterno ragazzo ma non c’è bisogno di indossare giacche glitterate per sentirsi sempre “al passo coi tempi”. Ricordiamo a Gianni che Capodanno è passato da un pezzo. A malincuore dobbiamo bocciarlo. VOTO 3 e mezzo

Red Canzian: Ancora le solite giacche in velluto, stile Lady Oscar, che ci ripropone da circa 30 anni. La scelta del rosso con i capelli cotonati non perdona. VOTO 3

Roby Facchinetti e Riccardo Fogli: Proponiamo un minuto di silenzio per le giacche dei due ex Pooh (e per la tintura di Roby). Solo una domanda sorge spontanea: perchè? VOTO2

Elio e le Storie Tese: Ci hanno da sempre abituato ad outfit eccentrici e strampalati, è nel loro stile e va bene. Ma scegliere per la prima serata di somigliare ad un misto tra il genio della lampada e la fata turchina non è un pò troppo? Nonostante il Carnevale sia alle porte non ce la possiamo proprio fare. Non volercene Elio! VOTO 1

The following two tabs change content below.

Federica Candelise

Avvocato di professione, tennista per hobby ma appassionata di musica da sempre, che sia italiana o internazionale poco importa. Non prediligo un genere in particolare, ciò che conta sono le emozioni che la musica può provocare in ognuno di noi.

Federica Candelise

Avvocato di professione, tennista per hobby ma appassionata di musica da sempre, che sia italiana o internazionale poco importa. Non prediligo un genere in particolare, ciò che conta sono le emozioni che la musica può provocare in ognuno di noi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.