Sanremo 2018: ottima chiusura di ascolti per il Festival

Superati i 12 milioni di spettatori per la chiusura della kermesse

Per la finale della 68ª edizione del Festival della canzone italiana, che ha visto trionfare il duo inedito (già vincitori annunciati) Ermal Meta e Fabrizio Moro con Non mi avete fatto niente, i telespettatori sono stati 12.125.000, con uno share pari al 58,3%, con punte, nella parte della premiazione che sfiorano il 70%. Storico risultato che porta quest’edizione ad essere la 2° più vista dal 2002 ad oggi. Sul podio: al #2 posto Lo stato sociale con Una vita in vacanza e al #3 Annalisa con Il mondo prima di te.

Un Festival che si annunciava per vecchi, ma che ha visto trionfare nuove leve della musica italiana; un Festival che si annunciava perdente, ma che è risultato vincente su molti fronti, dalla conduzione di Michelle Hunziker, affiancata dal direttore artistico Claudio Baglioni e da un disinvolto Pierfrancesco Favino, agli ascolti televisivi con un trend sempre in crescita.

The following two tabs change content below.

Antonino Muscaglione

Antonino Muscaglione, nasce a Palermo nel 1976. Da sempre appassionato di disegno, attento a dettagli, per altri, non rilevanti. "Less is more", avrebbe scoperto in seguito, diceva Mies Van Der Rohe. Consegue la Laurea in Architettura nella Facoltà d'Architettura della sua città. Vive in Lombardia, si divide fra progettazione architettonica e insegnamento. Denominatore comune delle sue attività è la musica, da sempre presente nella sua vita. Non può progettare senza ascoltare musica; non può insegnare senza usare la musica come strumento di aggregazione.

Antonino Muscaglione

Antonino Muscaglione, nasce a Palermo nel 1976. Da sempre appassionato di disegno, attento a dettagli, per altri, non rilevanti. "Less is more", avrebbe scoperto in seguito, diceva Mies Van Der Rohe. Consegue la Laurea in Architettura nella Facoltà d'Architettura della sua città. Vive in Lombardia, si divide fra progettazione architettonica e insegnamento. Denominatore comune delle sue attività è la musica, da sempre presente nella sua vita. Non può progettare senza ascoltare musica; non può insegnare senza usare la musica come strumento di aggregazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.