X-Factor 11: lupi travestiti da Agnelli - Le pagelle del terzo live

XFactor: Lupi travestiti da Agnelli – Le pagelle del terzo live show

Siamo ormai arrivati alla terza puntata del talent Fremantle e mai come quest’anno la partita sembra apertissima

Camille Cabaltera – Royals: Camille inaugura il terzo live un po’ piú inquadrata del solito. In una inaspettata veste sexy (Manuel stesso ci prova vistosamente) rielabora il magnetico pezzo di Lorde aggiugendoci una parte rappata (malino). Continua però imperterrito il problema di sempre: ma chi è Camille? Io non lo sto ancora capendo ed è un male enorme considerando che l’inedito è tra due settimane. Voto: 7-

Ros – Supermassive Black Hole: Il gruppo guidato dalla frontman dai capelli rosa torna finalmente nel mondo che la gente vuole che abitino (anche se andranno in ballottaggio lo stesso). La performance è convincente e finalmente i Muse possono essere urlati. Bene per me ma sembra non piacciano a prescindere. Voto: 8

Lorenzo Licitra – Sere Nere: Lui è formidabile e siamo tutti d’accordo ma vi ricordo che settimana scorsa questo ragazzone siciliano stava cantando Pavarotti. Possibile che proprio Mara non capisca il pericolo di fare queste sbandate? Comunque dal punto di vista strettamente vocale non posso che confermare i miei voti. Voto: 8/9

Samuel Storm – Super Rich Kids: Vestito come un commesso di Zara Samuel biascica in modo incomprensibile su una canzone complicata e dal ritmo dubbio. La sua vocalitá viene totalmente dispersa in un’ esibizione totalmente da buttare. Voto: 3/4

Maneskin - XFactorManeskin – Somebody told me: Iconici, qualsiasi cosa facciano. Ormai la loro vittoria non è piú un’utopia. Voto: 8.5

Rita Bellanza – Lost On You: E niente, Claudia ha seppelito il diamante sotto la cenere. Rita sbaglia anche questo tiro, facendo meglio della volta scorsa ma comunque non illuminando piú. Io so che la Rita che mi dava sempre i brividi è ancora nascosta da qualche parte, Levante deve solo farla riemergere. Voto: 6.5

Enrico Nigiotti – Il Mio Nemico: Nelle vesti del cantautore dannato il buon Enrico riesce a dare il meglio di sè e rende perfettamente il pezzo di Silvestri mettendoci anche la giusta mimica. Inoltre ha smesso di sembrare uscito da un episodio di Baywatch ed è un bene. Bravo e bello. Voto: 8+

Sem & Stenn – Electric Feel: Sono la cosa di cui non sappiamo di aver bisogno. Sempre piú intrippanti e psichedelici stonano in modo pesante ma ipnotizzano cosí tanto che quasi non te ne accorgi. Però poi in realtá te ne rendi conto e capisci perchè sono usciti. Ottimi performer e basta. Voto: 6/7

Gabriele Esposito – Growing Up: Fedez nomina la sua paternitá e Gabriele canta Ed Sheeran. L’esibizione paraculo è servita. Ormai clone totale di Fragola, il ragazzo strimpella senza convinzione ma tanto basta per mandare le ragazzine in visibilio. Questo non è piú il Gabriele per cui eravamo impazziti l’anno scorso. Voto: 5+

Andrea Radice – I Need a Dollar: Finiamo in bellezza con il clone perfetto di Andrea D’Alessio. Radice è bravo, chiariamoci, ma ha un percorso totalmente fotocopia di qualsiasi altro soulman passato nella trasmissione. Mara non riesce a differenziarlo dalla massa e questo è un brutto malus. Voto: 6.5

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un’altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere.
Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *