domenica, Maggio 26, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

4Tune, “Fluido” è un messaggio di libertà

Disponibile dal 5 Aprile in radio e sulle piattaforme digitali Fluido, il nuovo singolo delle 4Tune, la prima Drag Band italiana che continua a infrangere i confini tra musica e arte drag. Scritto dalla geniale mente di Dimitri Cocciuti, messo in musica dal team di Noise Symphony composto da Stefano Rinaldi (Narciso)Giorgio Lorito e Francesco Tosoni, che ha anche curato la produzione, Fluido è un gioiello musicale che fonde sonorità pop latine con il dinamismo e la profondità emotiva caratteristica del gruppo.

Fluido, interpretato dalle quattro finaliste della seconda stagione di Drag Race Italia (La Diamond, La Petite Rose Noire, Aura Eternal Visage Nehellenia) e in uscita per Indieffusione, rappresenta un viaggio liberatorio dalla pesantezza delle relazioni tossiche alla scoperta della propria essenza, trasmettendo un messaggio di libertà e autenticità.

Fluido è un inno alla vita vissuta senza barriere, un manifesto per tutti coloro che danzano al ritmo del proprio cuore.

“Se non mi vuoi davvero allora non mi meriti, mentre io merito di essere felice!”. La canzone tratta questo argomento smorzando la serietà del messaggio con un ritmo e un testo intelligente e leggero, che fa venire voglia di ballare senza dover pensare.

La Diamond, icona della nightlife europea, descrive Fluido come la celebrazione della vita libera da costrizioni, un pezzo che incarna l’urgenza di riscoprire sé stessi al di là delle relazioni nocive. “Vivere in modo Fluido, senza nessuna  barriera o impedimento, fluido come il tempo che scorre quando svuoti la mente e pensi solo a divertirti.”
Aura Eternal Visage, con le sue radici profonde nella formazione classica e jazz, vede in Fluido un inno alla resilienza e alla rinascita. ““Fluido” è un brano incentrato sulla rinascita dopo lo stress mentale. È un inno alla voglia di fare, dire, rispondere, reagire. Se si ha la forza e il supporto per essere spensierati, tutto scorre, è tutto fluido!” 

La Petite Rose Noire sottolinea come Fluido rappresenti un cammino verso l’autodeterminazione, attraverso la sfida delle aspettative sociali. “Essere fluidi significa riuscire a scivolare tra le barriere che ci vengono imposte, di qualunque tipo esse siano!

Il nostro nuovo singolo è un inno alla consapevolezza, vogliamo urlare al mondo che siamo artefici del nostro destino e che siamo noi a decidere ciò che accadrà, che sia con un tipo incontrato in discoteca o nella vita in generale”.

Nehellenia enfatizza l’importanza di fluire con la vita, rispettando sé stessi e le proprie esigenze. Attraverso Fluido, l’Artista vuole trasmettere un messaggio di leggerezza e spensieratezza, invitando ad abbandonarsi al ritmo della musica per “ballare via” le preoccupazioni, in un’ode alla libertà individuale. “In Chimica Fisica lo stato fluido della materia si ha quando le particelle non hanno posizioni reciproche fisse e si muovono più o meno liberamente le une rispetto alle altre. Ed è proprio questo senso di libertà, di voglia di non concedere a qualcuno il potere di ferirti o di fermarti, ma aver solo voglia di ballare e lasciarsi indietro il resto che Fluido vuole trasmettere”.
Fluido è un’espressione della vita nella sua forma più pura e incontaminata. Le 4Tune, con la loro visione unica, ci invitano, attraverso il testo del brano e il suo sound fresco e leggero con richiami al mondo del Latin Pop anni 2000, ad abbracciare la nostra vera natura in un percorso di scoperta e celebrazione dell’essenza più profonda di ognuno di noi. La musica delle 4Tune è una succosa e coloratissima centrifuga pop-dancetutta da ballare, accompagnata da una performance che ci riporta a quel mondo del Girl Power che, 25 anni dopo essere stato portato alla ribalta dalle Spice Girls, torna in una chiave tutta Drag.

La missione delle 4Tune è quella di coinvolgere, divertire e portare nel panorama della musica italiana un progetto inedito e dirompente. Le 4Tune fanno dell’inclusività e del Drag Power la loro bandiera: «Tutti favolosamente diversi nella nostra unicità e meravigliosamente perfetti nelle nostre imperfezioni!».