883, vent’anni di “Grazie mille”

Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

Sono trascorsi vent’anni dalla pubblicazione di “Grazie mille”, il quinto e penultimo album in studio dei mitologici 883, gruppo musicale cult degli anni ’90 reduce dallo straordinario successo ottenuto con i precedenti Hanno ucciso l’Uomo Ragno”, “Nord sud ovest est”, “La donna il sogno & il grande incubo” eLa dura legge del gol”. Rilasciato il 23 ottobre del 1999, il disco comprende dieci tracce inedite, principalmente composte da Max Pezzali con Marco Guarnerio e Pier Paolo Peroni.

Ad anticipare l’uscita del progetto è “Viaggio al centro del mondo”, seguito dall’omonimo singolo Grazie mille e da “La regina del Celebrità” che, a differenza del passato, non conquistano le classifiche e non soddisfano le aspettative. Tra le canzoni più riuscite citiamo “Nient’altro che noi”, ballata rimasta nel tempo, entrata di diritto a far parte del filone delle canzoni dolci e romantiche da dedicare con slancio alla persona amata.

Un lavoro più personale ed introspettivo, come si evince nella nostalgica “Le luci di Natale”, oppure nella traccia che chiude il disco “Tutto ciò che ho”, canzone che Pezzali dedica a se stesso e rappresenta un manifesto della consapevolezza, oltre che un bel messaggio positivo per chi ha smesso di credere nelle proprie capacità.

Presenti in scaletta anche due cover, riadattate ed italianizzate dallo stesso Max, vale a dire “Almeno una volta” (originariamente “Once in a Lifetime” del gruppo tedesco dei Wolfsheim) e “Tenendomi” (rivisitazione di “You needed me”, brano del ’78 firmato da Randy Goodrum e portato al successo da Anne Murray, rispolverata alle porte del nuovo millennio dalla boy band irlandese dei Boyzone). Degna di nota “La rana e lo scorpione”, uno dei pezzi più maturi e colti che prende spunto dall’antica favola, successivamente attribuita ad Esopo, che riflette sulla natura di ciascun essere umano e sull’incapacità di cambiare.

In conclusione, “Grazie mille” è un disco che segna l’inizio della fine di un’epoca, il primo che non vede la presenza in alcun testo del co-fondatore Mauro Repetto, e che anticipa l’epilogo segnato dall’ultimo lavoro di inediti “Uno in più” del 2001 e della conclusiva raccolta “Love/life” dell’anno successivo. E tanti cari saluti agli anni d’oro del grande Real, gli anni di Happy days e di Ralph Malph, gli anni delle immense compagnie, gli anni in motorino sempre in due.

Acquista qui l’album |

Grazie mille | Tracklist e stelline

  1. Grazie mille
    (Max Pezzali, Marco Guarnerio, Pier Paolo Peroni)
  2. La regina del Celebrità
    (Max Pezzali, Marco Guarnerio, Pier Paolo Peroni)
  3. Le luci di Natale
    (Max Pezzali, Marco Guarnerio, Pier Paolo Peroni)
  4. Almeno una volta
    (Max Pezzali, Wolfsheim)
  5. Nient’altro che noi
    (Max Pezzali, Marco Guarnerio, Pier Paolo Peroni)
  6. Viaggio al centro del mondo
    (Max Pezzali, Marco Guarnerio, Pier Paolo Peroni)
  7. Tenendomi
    (Max Pezzali, Randy Goodrum)
  8. Dopo il solito bip
    (Max Pezzali, Keiko Matsui)
  9. La rana e lo scorpione
    (Max Pezzali, Alberto Tafuri)
  10. Tutto ciò che ho
    (Max Pezzali, Marco Guarnerio, Pier Paolo Peroni)
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.