sabato, Maggio 25, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

Alessandra, Annalisa, Emma, Fracesca, Noemi: l’emozione ha 5 voci

Adriano Celentano canta L’emozione non ha voce, ebbene, in realtà una voce ce l’ha, anzi ne ha 5.

All’Arena di Verona è andato in scena Una, nessuna, Centomila, il concerto-evento organizzato per raccogliere fondi a sostegno dei centri anti-violenza sulle donne.

La registrazione dello show andrà in onda l’8 maggio su Raiuno, ma, nel frattempo, ci sono arrivati tanti contenuti registrati dagli spettatori presenti all’Arena e, dobbiamo dirlo, quello che abbiamo visto ci ha lasciati senza parole.

Duetti inediti e performance incredibili: una su tutte Nessun dolore, il celebre brano di Lucio Battisti reinterpretato da Giorgia, cantato da un dream team di artiste straordinarie: Noemi, Emma, Alessandra Amoroso, Francesca Michielin, Annalisa.

Cinque voci, cinque personalità così diverse tra loro ma che, proprio per questo, hanno dato vita ad un’esibizione spettacolare.

Un passato in comune, quello dei talent: Alessandra, Annalisa ed Emma team Amici, Noemi e Francesca team X Factor, segno che, quando i talent erano nel pieno delle loro funzioni, la loro mission la portavano a compimento. Abbiamo usato il passato a ragion veduta, ma questa è un’altra storia.

La performance del quintetto è da togliere il fiato, da pelle d’oca e le immagini che ci sono arrivate confermano che l’Arena di Verona ha percepito, come noi, tutta l’emozione.

Nel 1997 Eros Ramazzotti, nel suo Musica è, descrive in maniera perfetta il “potere” della musica:

“Senti, più siamo in tanti e più in alto sale Un coro in lingua universale Dice che, dice che Anche del cielo han bucato la pelle Lo senti? È l’urlo delle stelle

Forse cambierà nella testa della gente La mentalità di chi ascolta ma non sente Prima che il silenzio scenda su ogni cosa Quel silenzio grande dopo l’aria esplosa

Perché un mondo senza musica Non si può neanche immaginare Perché ogni cuore, anche il più piccolo È un battito di vita e d’amore Musica è…”

Queste parole sono più che mai calzanti per descrivere lo spettacolo a cui abbiamo assistito.