Amici 18: Nostalgia, nostalgia “Caniglia” – Le pagelle della seconda puntata del serale

Le nostre pagelle della prima puntata

Seconda puntata del talent di Maria migliorata sotto diversi aspetti rispetto alla prima: la Bertè è stata potentemente declassata, il televoto reso un pochino più utile ed hanno iniziato a far tornare le sfide canto-canto che tanto ci erano mancate. Ma andiamo subito a vedere i voti:

Alberto (feat Albano) – Nel Sole + E’ la mia vita: Con il bravissimo interprete pugliese Alberto risalta maggiormente e da nuova luce anche al Carrisi stesso, che l’anno scorso si era ritrovato un po’ ingabbiato a cantare con gente che non faceva il suo genere. Due classici della canzone italiana, adatti ad una voce calda e potente. E quando ce ne sono due esplode tutto in un’armonia melodica. Capolavoro, ma ormai serve ancora dirlo? Voto: 9

Giordana – E non finisce mica il cielo (Mia Martini): La Angi si cala nella parte dell’interprete tormentata, scegliendo di vestire i panni di Mia. Son panni che starebbero stretti a chiunque, per di più se indossati davanti alla Bertè, ma il risultato non è così malvagio come potrebbe sembrare ad un primo impatto. Un’interpretazione onesta, sofferta e sentita al punto giusto. Voto: 7.5

Alberto – The power of love (Frankie goes to Hollywood): Un grande classico rivisitato, ma stavolta la performance delude un po’: sempre potente e preciso ma ci si aspettava qualcosa di più. La versione originale molto più soddisfacente. Voto: 7

Mameli – Destra/Sinistra (Soldi Mashup): Mario, ti prego, torna in te. Questa sua versione indie di Moreno è, non solo la cosa meno credibile mai vista su un palco, ma è anche abbastanza ridicola. Gaber, ti prego, perdonalo. Voto: 4.5

Tish – Chandelier (Sia): Una Tish più spenta del solito in una performance non così entusiasmante ma che alla fine riesce a portare a casa il risultato. Un’esibizione molto personale, priva di troppi tecnicismi e diversa dal normale. Interessante. Voto: 8-

Giordana – La Fine (Nesli): Giordana riesce a fare delle grandissime cose su questo stile che è quello più affine a lei. Sentita, intensa e vera, ottimo lavoro. Voto: 8

Tish & Vittorio Grigolo – Never never never (Shirley Bassey): La versione anglofona di un grande classico della musica italiana. Un duetto inaspettato, che avvicina per la prima volta Tish alla musica più antica. Un interessante connubio tra classico e moderno, anche se Tish ha dei piccoli problemi di pronuncia sparsi. Dove c’è Grigolo non si può fare altro che emozionarsi. Peccato che spesso la sovrasti. Voto: 8.5

Mameli – Piccola Katy (Pooh) mashup con Viva La Vida (Coldplay): Già molto meglio dello scempio di prima ma il problema fondamentale è: perchè fare dei mashup tra due canzoni che non c’entrano assolutamente nulla, nemmeno come mondo di provenienza? Il risultato è fresco ed ascoltabile ma mi lascia molto perplesso: sembra sempre la versione indie di un qualsiasi rapper scarso. Voto: 6+

Alberto, Jefeo, Alvis & Giordana (feat Ermal Meta & Fabrizio Moro): Duetto molto più interessante di quello della scorsa puntata, poichè entrambi i cantanti coinvolti sono abili nel canto. Alberto piuttosto interessante nel rivisitare in modo lirico Non Mi Avete Fatto Niente, creando un connubio che ci porterebbe tantissima fortuna all’Eurovision. Alvis unico momento di gloria durante la serata, anche se canta purtroppo pochissimo rispetto agli altri. Giordana e Jefeo discreti. Voto: 8

Jefeo – Per un’ora di amore (Matia Bazar): Ho più volte detto l’anno scorso, nei confronti di Biondo, che cosa pensi dell’autotune usato completamente a casaccio su qualsiasi cosa, come se fosse un pugno di sale che insaporisce i piatti. Orribile, moderno finchè vuoi, ma insentibile. Voto: 3

Giordana – Ritornerai (Bruno Lauzi): Come già detto è questa la sua comfort zone, brani intensi, profondi, sentiti, cantati in maniera vissuta e cattiva. Facesse sempre questo sarebbe perfetto, ma resta comunque la più valida concorrente di Alberto. Voto: 9-

Alberto – All of me (John Legend): Il giovane tenore si rende conto di essere in grado anche di fare meravigliosi brani moderni. Il risultato è delizioso, sebbene lo preferisca in un mondo più suo. Voto: 8.5

Ludovica – Something’s got a hold on me (Etta James): Una Ludovica fantastica e piena di vita dritta e diretta nel cantato soul, il suo mondo, nel quale sa esprimersi al meglio. Brava, talento sprecato per Amici. Voto: 8.5

Tish – I’m outta love (Anastacia): Il declino di Tish. Un’esibizione solo discreta su una canzone che, sì, è difficile, ma che non viene resa al meglio. Voto: 6.5

Ludovica – Amore Bello (Claudio Baglioni): Ludovica chiude la sua esperienza ad Amici uscendo dalla sua zona pregressa di comfort. Una canzone pop italiana tradizionale, con diversi orpelli vocali che non la rendono facilissima. Ha cercato di fare del suo meglio riuscendoci abbastanza bene, peccato sia stata sfruttata così male. Voto: 8

Tish – Million Reasons (Lady Gaga): Finisce il ballottaggio di Tish con una performance che è sotto gli standard di quello che ci ha abituati solitamente la ragazza di origini serbe. Probabilmente per colpa degli auricolari e del ritardo della musica ma non mi ha particolarmente entusiasmato. Voto: 7-

Loading Facebook Comments ...

Un pensiero riguardo “Amici 18: Nostalgia, nostalgia “Caniglia” – Le pagelle della seconda puntata del serale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.