Antonino 2023

Antonino: “Nella musica serve onestà” – INTERVISTA

Intervista al cantante che presenta il suo nuovo singolo

Dopo il grandissimo successo raccolto nell’ultima edizione di ‘Tale e quale show’Antonino è tornato alla musica presentandosi al pubblico con il singolo del suo ritorno intitolato “Comunque sia” (di cui qui la nostra recensione). Il singolo, disponibile dal 13 gennaio 2023 in tutte le piattaforme digitali oltre che in rotazione radiofonica, ci restituisce un interprete a proprio agio con la dimensione di una bella ed emozionale ballata pop all’italiana con a tema l’amore nella più classica delle accezioni. Ecco come Antonino ci ha presentato questo suo nuovo percorso musicale (nella versione video sono presenti contenuti inediti):

Ben ritrovato Antonino. Partiamo da ‘Comunque sia’, che canzone è per te questa?

«’Comunque sia’ per me è stato un momento bello. Era novembre e ricevetti una rosa di brani per propormi a Sanremo e volevo una canzone preziosa. Stavo cercando una canzone fuori dai tempi e fuori dalla moda a tutti i costi. Il percorso a ‘Tale e quale show’ mi ha dimostrato che portare in prima serata il bel canto italiano funziona: la gente ha ancora bisogno di canzoni come l’Italia ci ha abituati. In quei giorni mi è arrivata ‘Comunque sia’ e ho capito che era la canzone giusta perchè può essere la descrizione di un posto, di una persona o di qualsiasi cosa ci abbia fatto stare bene. Per me era il ritornare a pensare all’amore dato».

Comunque sia’ porta con sé la scelta coraggiosa di rimanere fedele ad una tradizione pop che ti esalta e ti contraddistingue

«Credo che in questo mestiere ci voglia onestà perchè poi arriva al pubblico. Siamo in Italia ed io sono sempre stato conosciuto ed amato dal pubblico per le grandi ballad: per questo ho scelto di non tradire queste persone. Ho voluto che il mio primo passo di ritorno fosse assolutamente italiano anche se non nostalgico».

Hai raccontato tu stesso di esserti proposto ad Amadeus per il Festival di Sanremo 2023, come hai preso il fatto di non essere stato scelto per entrare nel cast?

«Questo è un Festival che mi sembra un galà della musica italiana con tantissimi cantanti che altri anni sarebbero stati superospiti. L’ho presa in maniera sportiva. Ho proposto il meglio di ciò che ho prodotto e sono sicuro di quanto ho fatto. Ci sarà stato del materiale più interessante del mio oppure, semplicemente, ce n’era di alternativo. Nella mia vita ho partecipato e vinto a festival in Europa senza essere conosciuto da nessuno: se in quel caso ho accettato la cosa lo devo fare anche questa volta. E’ musica: funziona così».

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.
Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.