Casadilego

Disponibili i due brani che fanno da colonna sonora al film “My soul summer

In concomitanza con il suo debutto da attrice in “My soul summer“, Casadilego lancia una doppia release che contiene i brani da lei interpretati nel film: “Oceano di cose perse“, scritto da Mara Sattei e prodotto da Enrico Brun, e “Edinburgh attempt no.2“, prodotto dall’artista stessa. I due brani vanno così a formare un 45 giri digitale, il lato A e lato B di un progetto che nasce da parole lievi che crescono come in un percorso, a livello di sonorità e significato.

Casadilego - Oceano di cose perse

Tutto – commenta Casadilego – di ‘Oceano di cose perse’ è giovane, a partire dal suono della voce, per racchiudere e descrivere la delicatezza di una lotta interiore e col mondo per sfuggire a quello che ci cambia ed essere noi stessi“.

È un brano – aggiunge Mara Sattei – che ho scritto pensando proprio a Casadilego. Le sonorità spensierate, leggere ma comunque introspettive mi ricordano molto ciò che ero io alla sua età e scrivere per lei è stato come rivedermi indietro nel tempo. Questo è il bello della musica, riesce a raccontarsi anche tra storie e vite diverse facendoti entrare a pieno in un racconto. Dentro un oceano di cose perse a volte riusciamo a ritrovarci, e altre volte a lasciare andare ciò che non ci appartiene più. Questo è quello che è successo con questo brano e spero arrivi anche a tutti voi“.

Acquista qui il brano |

The following two tabs change content below.

Nick Tara

Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.

By Nick Tara

Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.