sabato, Giugno 15, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

Cioffi, “Ma che bello è” è il nuovo singolo

Il giovane cantautore pubblica una delicata ballad acustica

È disponibile dallo scorso venerdì 20 gennaio 2023Ma che bello è“, il nuovo singolo radiofonico inedito di Cioffi edito da Hokuto Empire e Sony Music Italy.

La canzone è una delicata ballad acustica, prodotta da Alessandro Gemelli, che mescola il pop italiano moderno con il cantautorato più classico e il pop indie dalle sfumature folk. Il giovane cantautore racconta di quanto nella vita sia importante ciò che a volte diamo troppo per scontato, come l’amore di chi ci vuole bene, e vuole invitare a godersi appieno le piccole cose.

Cioffi - Ma che bello è

Ma che bello è – dichiara Cioffi – racconta di come l’amore sia il vero motore della vita. In un mondo così frenetico, dove si pensa più all’apparenza che al contenuto e al giudicare gli altri, si sta infatti davvero perdendo il valore delle piccole cose. Siamo tutti dei viaggiatori nel tempo, ma ciò che dà un senso a ciò che viviamo è l’amore di una persona. In tutti i suoi miliardi di sfumature. E a volte tra tutti gli interrogativi che ci poniamo nella vita, basterebbe l’amore, anche di una sola persona, per dare una risposta alla nostra ricerca costante della felicità“.

Ascolta e acquista qui il brano |

The following two tabs change content below.

Nick Tara

Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.
Nick Tara
Nick Tara
Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.