Deddy

Recensione del primo progetto discografico d’inediti del giovane cantante

Come per tradizione anche per il giovanissimo Deddy dopo l’esperienza ad “Amici” è arrivato il momento della pubblicazione del primo EP d’inediti intitolato ‘Il cielo contromano‘. Comincia così, dunque, il percorso discografico del giovanissimo diciottenne che, all’interno del talent show di Maria de Filippi, ha messo in mostra tutta la sua ambizione pop direzionata verso la costruzione di un repertorio e di un’identità artistica che sappia velocemente autodefinirsi.

Le canzoni |

Sette tracce del tutto inedite che, dunque, hanno il compito di scrivere i confini di quest’identità artistica. Un’impresa non così semplice vista la giovane età, la vastità del “fenomeno pop” ed i molteplici rischi di lasciarsi ammaliare da mode o riferimenti. Deddy prova a metterci fin da subito del suo trovando in 0 passi quella rampa di lancio giusta per raccogliere da subito un’attenzione del tutto particolare. Co-scritta con Giordana Angi (e se ne sente la mano soprattutto nella costruzione ritmica), la canzone si rivela essere un perfetto up-tempo dotato di un ritornello efficace.

Durante l’esperienza ad ‘Amici’ erano stati presentati anche gli inediti La prima estate, altro episodio tutto proiettato verso il racconto di una dimensione amorosa sotto i colori estivi, e la title track Il cielo contromano, dotata di una struttura melodica più vicina alle dark-ballad di mengoniana memoria che vengono rievocate anche grazie alla produzione electropop di Michele Canova Iorfida.

Già “edite” per il percorso televisivo nel quale sono state proposte sono anche Ancora in due, che utilizza l’idea della sovrapposizione vocale e di qualche falsetto per riuscire a variegare l’utilizzo di una dinamica vocale non così variopinta, e Parole a caso, attenta a costruire un crescendo vocale che sposi quello dell’arrangiamento mentre si rimanda il pensiero ad un passato d’amore destinato a finire.

Ad essere, invece, completamente inedite (oltre che scritte in solitaria dallo stesso Deddy) sono le conclusive Come mai, che parte delicata ma poi evolve in un ritornello che rispolvera le sovrapposizioni ed una produzione sintetica, Buonanotte, altrettanto ugualmente direzionata verso una produzione intimista che, però, non trova una maturità vocale tale da riuscire a renderla credibile.

In conclusione |

Deddy - Il cielo contromano

Per Deddy, dunque, questo Il cielo contromano rappresenta l’inizio di un percorso difficile. Il tempo è sicuramente dalla sua vista la giovane età ma il giovane talento torinese dovrà sfruttarlo con abilità per riuscire a costruirsi un profilo artistico credibile ed un repertorio capace di superare la sfida delle stagioni dell’adolescenza che, si sa, passano assai velocemente. Per ora il successo è garantito ma il salto per passare da teen idol ad artista pop è notevole: servirà una maturità interpretativa notevolmente implementata, una ricercatezza testuale e tematica ben più approfondita ed una vocalità più matura per reggere il peso della sfida del tempo.

Migliori tracce | Il cielo contromano

Voto complessivo | 6.2/10

Acquista qui l’album |

Mi muovo | Tracklist e stelline

  1. La prima estate ★★★★★½☆☆
    [Roberto Casalino – Niccolò Verrienti, Roberto Casalino]
  2. Il cielo contromano ★★★★★★★☆
    [Alessio Nelli, Leonardo Zaccaria, Michele Canova Iorfida, Vincenzo Colella]
  3. 0 passi ★★★★★½☆☆
    [Deddy, Giordana Angi, Elisa Angi, Zef]
  4. Ancora in due ★★★★★½☆☆
    [Alessandro La Cava]
  5. Come mai ★★★★½☆☆
    [Deddy]
  6. Parole a caso ★★★★★★★
    [Deddy, Alessio Nelli, Leonardo Zaccaria, Michele Canova Iorfida, Vincenzo Colella]
  7. Buonanotte ★★★★☆
    [Deddy]
The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.