Enrico Nigiotti Notti di luna

Recensione del singolo del ritorno musicale del cantautore livornese

.Vivere il presente è la sfida di ogni giorno. Farlo, però, con l’idea di superare il passato, di migliorarsi e di guardare continuamente avanti è un viaggio ancor più impegnativo e gratificante. Enrico Nigiotti ha scelto proprio questo tema dell’esistenza per raccontare le sue Notti di luna. In un singolo che rappresenta il suo ritorno ma anche la sua trasformazione discografica, il cantautore livornese mostra tutte le proprie carte confezionando un brano che, in modo particolare, racconta proprio di sè.

La spinta iniziale è quella della riflessione attorno all’idea “che se non scali la montagna non godrai il paesaggio”. Enrico Nigiotti sceglie, dunque, di affrontare il tema di come sia sempre possibile affrontare e superare i momenti bui se si trova dentro se la forza di spingersi oltre i propri limiti, oltre le proprie paure.

Con la nuova produzione di Francesco ‘Katoo’ Cattiti, primo tassello del nuovo percorso discografico di Enrico Nigiotti, l’animo di ‘Notti di luna’ torna ad appoggiarsi all’ambiente acustico e, soprattutto, chitarristico tanto caro alla scrittura minimale ed efficace del cantautore toscano. In questo senso, il brano torna ad esplorare un mondo musicale primordiale che, anche da questo verso, spinge Nigiotti a tornare alle proprie radici artistiche.

Ed ecco che dopo momenti difficili, giorni spesi ad interrogarsi attorno al proprio vivere e a scoprire il segreto per affrontare le sfide del presente, Enrico Nigiotti racconta di sè per capirsi un po’ di più. Lo fa con una canzone sincera, schietta e senza troppi artifici. Un po’ come quelle ‘Notti di luna’ che ti lasciano con il fiato sospeso mentre ammiri la luce di quel tondeggiante corpo celeste che tanti segreti, sogni e timori custodisce da sempre.

Acquista qui il brano |

Notti di luna | Testo

Luna, quanto pensi, quanta gente fai riflettere
Nuda tra le stelle, gobba in alto se vuoi crescere
Ci guardi come briciole legate nel disordine del vento

Luna, quanti occhi, quanti morsi che vuoi prendere
Cambi e poi confondi, gobba in basso se vuoi scendere
È forse un’abitudine parlarci dopo tutto questo tempo

Ma dimmi almeno se lo sai, e se lo sai caccia i segreti
Che me lo merito un po’ anch’io di stare in volo senza pesi
Se in questo pezzo di presente mi presti almeno i tuoi amuleti

Ma quanto è vero che per sempre, a volte, è anche un istante
Che la paura di sbagliare è il tifo più importante
Che se non scali la montagna non godrai il paesaggio
La vita è quello che ti accade appena sei distratto

E siamo proprio come te, con un trucco da nascondere
Siamo tutti come te, che ci spingiamo un po’ più in alto
E poi cadiamo dalle nuvole

Luna, sveglia i pesci, quanti bimbi che fai nascere
Viva sugli specchi di milioni di pozzanghere
Di giorno sembra un fulmine, la fretta è il nuovo gioco della gente
(Tutta questa gente)

Ma dimmi almeno se lo sai, e se lo sai quanto ci credi
Che me lo merito un po’ anch’io di avere ali alle pareti
Se in questo pezzo di presente mi presti almeno i tuoi amuleti

Ma quanto è vero che per sempre, a volte, è anche un istante
Che la paura di sbagliare è il tifo più importante
Che se non scali la montagna non godrai il paesaggio
La vita è quello che ti accade appena sei distratto

E siamo proprio come te, con un lato da nascondere
Siamo tutti come te, che ci spingiamo un po’ più in alto
E poi cadiamo dalle nuvole
E poi cadiamo dalle nuvole

Dimmi come si fa a vivere senza fantasia
Dimmi come si fa a vivere senza fantasia
Dimmi come si fa a vivere senza fantasia
Dimmi come si fa a vivere senza fantasia

Ma quanto è vero che per sempre, a volte, è anche un istante
Che la paura di sbagliare è il tifo più importante
Che non farai niente di grande senza l’entusiasmo
La vita è quello che ti sogni in questo mondo matto

E siamo proprio come te, con qualcosa da nascondere
Siamo tutti come te, che ci spingiamo un po’ più in alto
E poi cadiamo dalle nuvole

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.