Fabri Fibra

Un raccordo tra passato e presente nella nuova uscita di Fibra

Giunti oramai al terzo singolo, possiamo affermare con neanche eccessivo ottimismo che “Caos” (qui tutti i dettagli), il disco di Fabri Fibra uscito questo marzo, sia stato un lavoro riuscito. Nonostante il successo mediatico e a livello di certificazioni non raggiunga quello ottenuto da “Fenomeno“, l’album ha comunque ricevuto vari endorsement, numerici e non. I singoli, in un modo o nell’altro, sono risultati calzanti e centrati, ed in generale Fabri Fibra ha soddisfatto sia i fan del rap sia chi magari è riuscito ad intercettarlo solamente in radio.

Ultimo estratto del disco è la title track “Caos“, in rotazione radiofonica dal 30 settembre, singolo che vanta le collaborazioni di due artisti poliedrici e talentuosi, Lazza e Madame. La canzone, che già in tempi precedenti aveva ottenuto numeri molto soddisfacenti, è stata quindi scelta come terzo step radiofonico dal rapper marchigiano e deal suo team.

Analisi del brano |

Caos” è senza ombra di dubbio il brano più incline al genere del rap estratto dal disco. In questo senso il paragone con “Stelle” e “Propaganda” (di cui qui la nostra recensione), caratterizzate da sfumature pop molto più ingombranti, non regge minimamente. E’ rap nelle tre strofe, è rap nell’apertura decisa di Lazza che, inaspettatamente, inaugura la traccia con un ritornello intriso di autotune.

Madame e Fibra (ultimo in ordine di apparizione) si succedono in maniera distinta, intervallati sempre dal rapper milanese che riesce in maniera incisiva a familiarizzare la canzone, pur con dei versi non troppo caratteristici e identitari (“Mi resta solo il caos“). Madame in questo senso entra più in profondità, evocando con rime saltuarie e particolari metafore la sofferenza e il tormento di un amore (mai) finito.

Fibra, a proposito del brano, ha dichiarato: “Il ritornello di Lazza esprime in pieno quella sofferenza e quella nostalgia. La strofa di Madame e la mia sono due stili completamente diversi che riescono a convivere alla perfezione su questa base di Lowkidd.” Effettivamente, l’apporto di Fibra permette al brano di essere meno generico, personalizzandolo e colorandolo di espressioni esplicite e che si distanziano molto dallo stile usato dalla rapper veneta in questo brano.

In conclusione, “Caos” è un esperimento che si pone a metà tra il rap e il radio-friendly, e che prova ad amalgamare tre artisti dalle sfumature molto diverse pur non contenendo versi in unisono. Da ciò esce un prodotto godibile, malgrado l’esordio di Lazza che farà storcere il naso a molti.

Ascolta e acquista qui il brano |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.