Fedez cambia e sperimenta in “Paranoia Airlines” – RECENSIONE

Ecco la recensione all’ultimo lavoro dell’artista milanese uscito lo scorso 25 gennaio

Prendi il successo, prendi gli oltre 7 milioni di follower collezionati solo su Instagram, prendi il matrimonio con la più nota influencer italiana, prendi i dischi venduti ed i numerosi tour sold out. Bene, anche sotto tutto questo può celarsi la fragilità di un uomo di successo di 30 anni: così si potrebbe riassumere brevemente il senso di Paranoia Airlines, nuovissimo disco di Fedez, uscito lo scorso 25 gennaio dopo la “rottura” artistica e umana con l’ex socio J-Ax, con il quale l’artista milanese aveva collaborato nel fortunatissimo progetto Comunisti Col Rolex, terminato lo scorso giugno con il concerto evento tenuto allo stadio di San Siro davanti ad oltre 75 mila paganti.

E’ impossibile negarlo, nel bene e nel male il buon Federico Lucia ha rappresentato il prototipo di artista di successo dell’ultimo lustro: oltre ai dischi è impossibile non citare la partecipazione come giudice (fino allo scorso anno) ad X-Factor, senza dimenticare le varie pubblicità, la sua storia d’amore con Chiara Ferragni e la sua vita privata data in pasto al tremendo pubblico social. Fedez ha costruito un impero.

Dal suo enorme impero, a distanza di quasi 5 anni dall’ultimo album Pop-Hoolista (qui la nostra video-recensione) che lo aveva consacrato nel 2014 anche nell’ambiente mainstream, ecco Paranoia Airlines, album di 16 tracce pubblicato per Newtopia / Sony Music.

Cominciamo con un dato di fatto: le produzioni del disco, curate principalmente da Michele Canova, rappresentano musicalmente uno dei lavori più freschi del panorama italiano. Il noto produttore veneto mischia qui il suo pop ed edm ai suoni più canonici, tirando fuori un mix interessante e che ben si mescola nelle tracce.

Fedez dalla sua sembra voler abbandonare i temi degli ultimi lavori, puntando esclusivamente a parlare di sé: non ci sono riferimenti politici né grosse critiche sociali, l’artista di Milano in questo album apre a quello che ha dentro, le sue ansie e le sue paranoie che ritornano costanti e che spesso vengono spazzate via proprio dalla sua amata. Paranoia Airlines è un disco che vuole essere un lungo viaggio introspettivo all’interno di uno degli artisti più esposti del panorama musicale italiano: “io sono il successo, ma sono anche tutto questo” potrebbe essere il sottotitolo dell’album. Fedez si svuota e, come dichiarato da lui stesso durante la presentazione, utilizza la musica come terapia per curare i propri mali.

Ma veniamo al dunque, questo mood voluto dall’artista funziona? In parte sì. Ci sono tracce che incarnano perfettamente lo spirito sperimentale dell’album e funzionano bene come Amnesia o il featuring internazionale con LP dal titolo Cose senza spine, e altre che invece sembrano un po’ buttate nella mischia senza un vero senso preciso.

Fedez furbamente inserisce nell’album personalità differenti destinate a loro volta a target differenti: ci sono i feat di forte impatto internazionale come quelli con Zara Larsson, LP e Trippie Redd, c’è l’intervento di un’esponente di successo del pop nostrano come Annalisa, le collaborazioni con Tedua e con la Dark Polo Gang per avvicinare il pubblico più giovane e perfino un riavvicinamento con Emis Killa nel (interessante) brano Kim e Kanye.

Chi si aspettava un ritorno al rap facilmente ne rimarrà deluso, chi invece ha apprezzato il Fedez pop degli ultimi anni molto probabilmente ne noterà un’evoluzione. Altra nota sul disco è il cambiamento nelle liriche dei brani: Fedez sceglie una via più diretta per comunicare, dice quel che vuol dire senza troppo girarci intorno, con il difetto a volte di suonare un po’ banale. E’ buffo poi pensare che il brano più alto in classifica sia proprio TVTB insieme alla Dark Polo Gang, un pezzo che poco sembra centrare con il mood del disco e che ricalca le orme del successo internazionale di I Love It di Kanye West e Lil Pump, e che, più che altro, sembra un brano della DPG con il featuring di Fedez.

In mezzo alle varie tracce il cantante non disdegna l’uso massiccio di autotune, rappa e sopratutto canta. In molti pezzi è riscontrabile quell’ispirazione emo rap che ricorda molto artisti come Lil Peep o Lil Tracy, insomma, Paranoia Airlines è un disco che vuol essere molto meno “italiano”. Paradossalmente al primo ascolto quello che manca (e non è detto che sia un male) è proprio la classica hit “italiana” alla Fedez, ovvero quella alla Cigno Nero o Magnifico e altre decine di esempi: perfino il brano con Annalisa non rappresenta il solito pezzo da radio ma si concede un buono spazio di sperimentazione.

Fedez dice di aver prodotto il disco che aveva in testa, di non pensare alle vendite e di fregarsene del mercato. Fa strano sentirselo dire da un artista che ha dominato le classifiche in lungo e in largo prendendosi tutto quello che probabilmente era possibile prendersi, in attesa di sapere se eguaglierà o supererà i precedenti lavori.

Paranoia Airlines è un disco ben studiato, ben prodotto e ben impacchettato, un mix eterogeneo di cose interessanti e cose assolutamente tralasciabili, un viaggio personale di un artista ormai maturo e pienamente consapevole delle logiche del mercato italiano, che stavolta ha voluto rischiare sfidandolo e sperimentando. Scelta giusta ed esperimento riuscito? Agli ascoltatori l’ardua sentenza.

MIGLIOR TRACCIA: Cose senza spine, Così

VOTO COMPLESSIVO: 6,5/10

The following two tabs change content below.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Loading Facebook Comments ...

5 pensieri riguardo “Fedez cambia e sperimenta in “Paranoia Airlines” – RECENSIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.