mercoledì, Maggio 22, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

FIMI, vendite album fisici settimana 16 del 2024: Michele Bravi italiano più venduto

Nella classifica di cd, vinili e musicassette Michele Bravi è l’italiano più venduto

Importante novità introdotta quest’anno della FIMI che, a fianco delle consuete classifiche che riguardano album e singoli, ha deciso di introdurre una classifica relativa alle vendite di cd, vinili e musicassette, sostituendola a quella incentrata sui soli vinili e tornando finalmente a fornire un’ottima fotografia di quello che è il mercato fisico. Un premio agli artisti che i dischi riescono a venderli ancora venendo però penalizzati da un meccanismo ormai troppo sbilanciato a favore dello streaming, e anche un segno di rispetto nei confronti dei consumatori che ancora li comprano.

Ecco quindi gli album più venduti nel corso dell’ultima settimana, la 16 del 2024.

  1. Mark Knopfler – One deep river (NEW)
  2. Michele Bravi – Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi (NEW)
  3. Francesco De Gregori & Checco Zalone – Pastiche (NEW)
  4. Linkin Park – Papercuts (NEW)
  5. Mace – Maya (-3)
  6. Kid Yugi – I nomi del diavolo (-2)
  7. Beyoncè – Cowboy carter (RE)
  8. Tony Effe – Icon (-3)
  9. Artisti vari – Sanremo 2024 (-3)
  10. Subsonica – Realtà aumentata (RE)
  11. Pink Floyd – The dark side of the moon (=)
  12. Rino Gaetano – Sotto i cieli di Rino (RE)
  13. Travis Scott – Utopia (=)
  14. Il Volo – Ad Astra (-7)
  15. Ariana Grande – Eternal sunshine (RE)
  16. Travis Scott – Astroworld (-1)
  17. Gianna Nannini – Sei nel l’anima (-8)
  18. Tomorrow X Together – Minisode 3: tomorrow (-8)
  19. Club Dogo – Club Dogo (-4)
  20. Tony Boy – Nostalgia (export) (-8)
The following two tabs change content below.

Nick Tara

Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.
Nick Tara
Nick Tara
Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.