Il cantautore romano e il pittore campano insieme in un progetto che unisce la musica al mondo dell’arte

E’ disponibile a partire da venerdì 26 Ottobre, in esclusiva sui siti ibs.it e lafeltrinelli.it, il progetto che vede come protagonisti due esponenti dell’arte e della cultura italiana, ossia Francesco De Gregori e Mimmo Paladino. Il pretesto è quello di far rivivere un grande classico della canzone napoletana intitolato Anema e core, composto a quattro mani da Salve D’Esposito e Tito Manlio nel 1950, successivamente inciso da numerosi interpreti in tutto il mondo. Il risultato comprende una xilografia originale del noto artista campano (realizzata nella storica stamperia dei Fratelli Bulla a Roma in una tiratura di soli 99 esemplari numerati) e un vinile contenente due versioni del pezzo, una acustica e l’altra orchestrale.

«Ci piace definire quest’opera una “edizione d’arte” perché la parola “arte” in qualche modo riguarda tutti e due – afferma l’autore de “La donna cannone” – Mi raccontava una volta Mimmo di quando in tempi ormai abbastanza lontani dipingeva ascoltando alla radio la musica dei cantautori e li considerava dei compagni di viaggio. Forse nasce anche da questo la motivazione o meglio la necessità di questo incontro dove si mescolano vernice, musica e parole». 

De Gregori – Paladino | Video Conferenza

«La musica per un pittore ha la forma dell’acqua, fluida e mutevole, eterea e geometrica – sottolinea l’artista che aveva già avuto a che fare con la musica, realizzando il disegno presente sulla copertina del celebre disco “Henna” di Lucio Dalla – Con Francesco abbiamo giocato all’antico e molto serio gioco dell’arte: pagine variopinte, colle e torchi, alchimie di appunti poetici e voci cantanti forse di una notte a Capri».

Ad accompagnare Francesco De Gregori in questo insolita ma piacevole incursione nel repertorio partenopeo, troviamo la voce di sua moglie Chicca, un’interpretazione riuscita ed emotivamente appagante, registrata a Bath nei Real World Studios di Peter Gabriel. Anema e core” rappresenta l’incontro tra due forme d’arte apparentemente distanti e che, con un pizzico di magia, riescono a regalare sublimi momenti di bellezza.

Anema e core | Video

Anema e core | Testo

Nuje ca perdimmo ‘a pace e ‘o suonno
nun ce dicimmo maje pecchè?
vocche ca vase nun ne vonno
nun so’ sti vvocche oje ne’
pure, te chiammo e nun rispunne
pe’ fa dispietto a me

Tenimmoce accusì: anema e core
nun ce lassammo cchiù, manco pe’ n’ora
stu desiderio ‘e te mme fa paura
campà cu te, sempre cu te, pe’ nun murì

Che ce dicimmo a fa parole amare
si ‘o bbene po’ campà cu nu respiro?
si smanie pure tu pe’ chist’ammore
tenimmoce accussì… anema e core
forse sarrà ca ‘o chianto è doce
forse sarrà ca bene fa…
quanno mme sento cchiù felice
nun è felicità

Specie si è vvote tu mme dice
distratta, ‘a verità….
stu desiderio ‘e te mme fa paura
campà cu te, sempre cu te, pe’ nun murì
che ce dicimmo a fa parole amare
si ‘o bbene po’ campà cu nu respiro?

Si smanie pure tu pe’ chist’ammore
tenimmoce accussì… anema e core
tenimmoce accussì: anema e core

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.