A tu per tu con la cantante fiorentina, in uscita con il nuovo singolo “Rita” prodotto dal Maestro Fio Zanotti

È disponibile su tutte le piattaforme digitali dallo scorso 17 giugno Rita, il nuovo singolo di Gloria Bennati. Il brano, che anticipa l’uscita di album atteso per il 2023, racconta la storia di una donna “testarda e romantica” che trova la forza più grande nelle sue scelte nonostante queste la rendano inconsapevole dei suoi sbagli.

Ciao Gloria, bentrovata. Partiamo dal tuo nuovo singolo “Rita”, cosa racconta?

«”Rita” è un brano introspettivo, parla di una donna che lotta per i propri principi senza pensare troppo alle conseguenze, sia verso se stessa che verso gli altri. Crede di sapere tutto senza conoscere realmente se stessa, ma chi si conosce davvero? Il mondo che la circonda è ben lontano da come lei lo desidera, così si focalizza su come vorrebbe cambiarlo senza pensare  alle lacune che lei stessa possiede».

C’è una frase che, secondo te, rappresenta e sintetizza al meglio il senso della canzone?

«Certo, “Rita aveva una macchina della verità”. Io stessa desidero ogni giorno, sapere la verità».

A livello musicale, che tipo di sonorità avete scelto di abbracciare con il Mastro Fio Zanotti?

«In realtà con Fio non abbiamo deciso, non abbiamo nemmeno impostato un piano di lavoro, io portavo le mie canzoni e lui creava un meraviglioso mondo attorno. È stato un lavoro istintivo».

Cosa ti sta lasciando di concreto l’esperienza ultra decennale con un professionista del calibro di Zanotti?

«Con Fio ho imparato a conoscere in parte ciò che sono oggi artisticamente, mi ha aiutato a buttarmi nelle cose, a non avere paura di sbagliare, a sperimentare e a non giudicarmi mentre lo facevo».

gloria bennati rita

Che ruolo gioca la musica nel tuo quotidiano?

«La musica per me è come la crema per il viso, la metto la mattina e mi rimane tutto il giorno. Ci sono momenti però in cui non ho bisogno di ascoltarla, anche il silenzio è fondamentale, soprattutto quando scrivo».

Per quanto riguarda i tuoi ascolti ascolti, tendi a cibarti di un genere in particolare oppure ti reputi piuttosto onnivora?

«In realtà vado a periodi, ascolto un po’ di tutto anche se prediligo la musica alternativa ed il pop».

Come descriveresti il tuo rapporto con i social network e quanto incidono, secondo te, oggi nel lancio di un progetto discografico?

«Penso che i social siano un portale utile per farsi conoscere, è molto difficile però mostrarsi o essere capiti per ciò che siamo realmente, nel senso che una persona solo guardandola negli occhi puoi conoscerla. Artisticamente ti permettono di farti sentire, quindi una buona cosa».

Per concludere, qual è la lezione più importante che senti di aver appreso dalla musica fino ad oggi?

«La lezione più importante che ho appreso è che non ci sono regole, per creare. Basta credere ed avere coraggio».

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.