Jaxel

Recensione del nuovo estratto radiofonico

L’amore ai tempi dei social. Lo racconta Jaxel nel suo ultimo singolo intitolato Che ci posso fare realizzato anche in un’intima e delicata versione acustica solo piano e voce per comunicare ancor meglio quel filo narrante che fa da sfondo all’intero brano.

“Non ci guardiamo più le stories che ci fanno male” dopo tutto quello che “ho saputo di te” e quello che “hai saputo di me”. E così un amore finisce trovando davanti a sé quel destino di dirsi “vai per la tua strada”. Jaxel lo canta con convinzione e lo fa per dare corpo ad un addio che si consuma dopo una storia vissuta insieme tra alti e bassi, tra momenti insostituibili e altri quotidiani, tra messaggi scritti e parole sussurrate all’orecchio. Arriva poi l’addio e, anche se avviene tramite un banalissimo ed impersonale direct su Instagram, comporta sempre quella volontà di dirsi “ma di me non ti scordare”.

Ed è così che l’amore di ieri si congiunge ancora con l’amore di oggi dimostrando che i sentimenti non hanno tempo o spazio. Un addio da scrivere in una lettera o da vivere stringendosi le mani rimarrà per sempre un addio proprio come quello scritto su di un sms o un video su TikTok. Lo canta senza tempo Jaxel mettendo in scena una forma-canzone che, al contrario, vive profondamente nella dimensione del tempo rifacendosi a dei modelli ben precisi e ad una personalità artistica ben definita e rintracciabile nel panorama musicale di oggi, di ieri e sicuramente anche del nostro domani.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Di Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.