21 febbraio

Ogni giorno una canzone che ci ricorda un anno e un momento diverso

IL GIORNO:

In Italia, oggi, 21 febbraio ricorre la Giornata nazionale del braille, il sistema di scrittura e lettura ideato per i non vedenti. Ma questa è anche la giornata che ricorda la scoperta del primo contagio di Coronavirus in Italia (2020) oltre che il giorno in cui l’attuale papa Francesco, Jorge Mario Bergoglio, riceveva da Giovanni Paolo II la carica cardinalizia (2001).

Musicalmente quella del 21 febbraio è la giornata che ricorda la nascita di un grandissimo cantautore pop come Tiziano Ferro. Affermatissima penna e voce dei sentimenti italici nel corso della sua carriera ha regalato al pubblico una serie di memorabili colonne sonore capaci di accompagnare la vita e i momenti di ciascuno di noi. Candeline sulla torta anche per Big Fish, produttore tra i più eclettici ed apprezzati nel mondo hip hop e urban già da parecchi anni.

LA CANZONE:

Il 21 febbraio 1989 le voci di Fausto Leali e Anna Oxa cantavano per la prima volta la loro celebre Ti lascerò sul palco del Teatro Ariston. Quel Festival di Sanremo lo avrebbero vinto insieme di lì a pochi giorni giovandosi di una canzone memorabile capace di raccontare l’amore e le sue evoluzioni con semplicità ed efficace. Potente e graffiato lui, suadente ed elegante lei. Un mix potente in cui le voci si uniscono alla perfezione e ricordano che l’amore passa ma la vita resta e quella vale più di ogni altra cosa.

Acquista qui il brano |

Ti lascerò | Videoclip

Ti lascerò | Testo

Ti lascerò andare
Ma indifesa come sei
Farei di tutto per poterti trattenere
Perché dovrai scontrarti
Con i sogni che si fanno
Quando si vive intensamente
La tua età
Ti lascerò provare
A dipingere i tuoi giorni
Con i colori accesi
Dei tuoi anni
Ti aiuterò a sconfiggere
I dolori che verranno
Perché saranno anche più grandi
Degli amori che ti avranno
E lascerò ai tuoi occhi
Tutta una vita da guardare
Ma è la tua vita
E non trattarla male
Ti lascerò crescere
Ti lascerò scegliere
Ti lascerò
Anche sbagliare
Ti lascerò
Ti lascerò decidere
Per chi sarà al tuo fianco
Piuttosto che permettere
Di dirmi che sei stanco
Lo faccio perché in te
Ho amato l’uomo e il suo coraggio
E quella forza di cambiare
Per poi ricominciare
E quando avrai davanti agli occhi
Altri due occhi da guardare
Il mio silenzio
Lo sentirai gridare
Ti lascerò vivere
Ti lascerò ridere
Ti lascerò
Ti lascerò
E lascerò ai tuoi sorrisi
La voglia di scoppiare
Ed il tuo orgoglio
Lo lascerò sfogare
Ti lascerò credere
Ti lascerò scegliere
Ti lascerò
Ti lascerò
Ti lascerò vivere
Ti lascerò vivere
Ti lascerò
Ti lascerò (uh uh uh uh, uh)

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.