Laura Pausini Amadeus

Laura Pausini rifiuta il Festival di Sanremo in gara e alla conduzione

La cantante esclude ogni possibile approdo alla kermesse canora anche in futuro

Se l’ultimo Festival di Sanremo ha confermato la tendenza che negli ultimi anni ha visto tornare in gara numerosi artisti importanti dello scenario discografico italiano, Laura Pausini non sarà presto tra questi. A dichiararlo ufficialmente è stata la stessa cantante romagnola che, nel corso delle ultime settimane, ha parlato a più riprese della kermesse canora ligure che la lanciò musicalmente in tutto il mondo del 1993.

Per festeggiare il trentennale di carriera, la voce de “La solitudine” ha scelto di non ritornare sul palco del Teatro Ariston ma di compiere un’impresa live con ben 3 concerti svolti nell’arco di 24 ore tra New York, Madrid e Milano. Il ritorno al Festival era dato per scontati da molti all’indomani dell’annuncio di Amadeus di non voler ospiti under 70 per la sua nuova edizione invitando, piuttosto, questi artisti ad accettare il rischio della gara. Un rischio accettato, quest’anno, di buon grado da Marco Mengoni e da Giorgia, due assoluti numeri uno della nostra musica che avrebbero avuto tutto il diritto di salire sul palcoscenico anche in virtù di superospiti nelle annate precedenti.

L’esclusione di un ritorno in gara |

Laura Pausini, però, ha dichiarato nettamente la sua contrarietà a questo tipo di scelte: “Sono coraggiosi i colleghi che si sono messi in gara, dopo aver costruito una storia con un pubblico che ti ha portato avanti. Io però la vedo in maniera diversa e quando parlo con loro dico che non sono d’accordo perché per me bisogna rispettare quello che è stato creato insieme al pubblico, va rispettata la gerarchia. Ma è il mio punto di vista”.

Laura Pausini 2022

Un punto di vista particolarmente secco quello espresso dalla cantante di Solarolo che ha dichiarato, quindi, con nettezza la sua contrarietà ad ogni ipotesi di ritorno in gara al Festival dopo che molti, negli ultimi anni, si stavano convincendo che, prima o poi, anche la più famosa voce femminile italiana nel mondo avrebbe ceduto alle lusinghe di uno spettacolo divenuto ormai vitale per la musica nostrana. “Io non ho questo coraggio e per me il Festival non è come andare al Grammy, è un’altra cosa” ha dichiarato Laura Pausini rispondendo a chi le chiedeva se prima o poi sarebbe tornata in gara a Sanremo.

Il rifiuto della conduzione |

L’approdo in Riviera, però, è da escludersi non solo per la gara ma anche per la conduzione, altro ruolo spesso affiancato al nome della cantante negli ultimi tempi. “Tutti si aspetterebbero da me che un giorno prenda la direzione del Festival o che lo conduca. No, non me la sento. Non potrei essere distaccata da quelle decisioni, soprattutto se dovesse capitarmi di avere degli amici che vogliono andarci. Detto onestamente, non saprei come gestirla. E poi con Festival così di successo, può capitare che ce ne sarà uno che andrà leggermente meno bene e non sono così sicura di me per affrontare anche questa ipotesi”. Insomma, il futuro musicale di Laura Pausini sembra essere assai lontano dal Festival di Sanremo ad oggi.

Le polemiche social postume alla dichiarazione |

Le dichiarazioni di Laura Pausini a proposito di un suo prossimo coinvolgimento per il Festival di Sanremo hanno innescato una lunga serie di reazioni nelle ultime settimane. Il parlare di “gerarchia” per definire il proprio status di big della canzone ormai inadatta alla gara ha fatto storcere il naso a molti. Soprattutto alla luce delle scelte compiute negli ultimi anni da colleghi di altrettanta fama e carriera nel nostro Paese.

Da una parte il pubblico ha compreso la logica in virtù della quale Laura Pausini sembra voler rimanere lontana dal Festival se non in veste di ospite in futuro. Dall’altra, però, in molti hanno ribadito come Sanremo sia diventato, in realtà, ben altra cosa dalla gara che fino a pochi anni fa faceva tremare i big della musica italiana di fronte alla possibilità di una non vittoria. Oggi che la kermesse si è trasformata in una vetrina imprescindibile per chiunque per presentare un nuovo progetto ha davvero ancora senso evitare di confrontarcisi?

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.
Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.