Lazza è il “Re Mida” del rap italiano? – RECENSIONE

Recensione dell’ultimo lavoro del rapper milanese, Re Mida, che ha debuttato al primo posto nella classifica Fimi

Ci sono artisti che appena usciti fanno il botto, volano primi in classifica e spopolano soprattutto nelle vendite digitali, in maniera ancor più evidente poi nel mondo del rap. Ci sono altri artisti che, invece, in alto ci arrivano piano piano, passo dopo passo, sudando e studiando ogni traguardo ed ogni meta. Chiariamoci, Lazza, al secolo Jacopo Lazzarini, non è un veterano con 20 anni di carriera alle spalle, eppure di km ne ha già macinati parecchi, e non solo con gli ultimi due progetti (ovvero i più noti), ma con anni e anni di lavori minori e ancor prima di freestyle in strada che lo hanno portato oggi ad essere uno degli artisti giovani più apprezzati e stimati all’interno del grosso cerchio incandescente della musica rap italiana.

D’altro canto, per confermare l’affermazione fatta sopra, basta sbirciare nella tracklist per accorgersi del peso di certi ospiti: oltre agli amici, e di fatto coetanei, Izi e Tedua, ecco che troviamo (tolti Giaime e Kaydy Cain presenti unicamente nella deluxe edition) Fabri Fibra, Guè Pequeno e Luchè, ovvero tre pesi massimi della generazione rap precedente a quella dell’artista milanese.

Con questo nuovo album Lazza si autoproclama Re Mida, ovvero colui che trasforma in oro ogni cosa che tocca: un’affermazione tosta e, per certi versi (come per altro da lui stesso dichiarato), anche presuntuosa. E la presunzione nel disco si trova eccome, non quella del ragazzino spocchioso però, bensì quella di un ragazzo che a furia di “cercare il suo posto nel mondo” alla fine si prende con sudore quello che gli spetta e per il quale ha lavorato duramente per due anni.

Lazza fa su e giù tra pezzi più conscious (come la tracklist o Catrame insieme a Tedua) e pezzi leggeri in cui si mostra ugualmente al proprio agio, come il singolo Gucci Ski Mask insieme a quello lui stesso definisce suo “padrino” Guè Pequeno.

Rapper da più facce dunque, ma che nel complesso riesce a mantenere tra le 17 tracce una coerenza sonora che mette in mostra ancor di più il lavoro musicale nelle produzioni, curate per l’occasione dallo stesso Lazza (che fa valere qui tutta la sua esperienza musicale maturata negli anni di conservatorio nello studio del pianoforte) insieme al socio e ormai pilastro nel campo delle produzioni hip hop Low Kidd.

Voleva un disco che rappresentasse un upgrade rispetto allo scorso Zzala il rapper classe 1994 e così è stato. Forse a mancare qui è solamente quella scintilla magica che avrebbe “spaccato” del tutto. In ogni caso Re Mida rimane l’insieme di tante belle cose che si uniscono e che convincono, in cui Lazza riesce forse come mai prima a mostrarsi interamente per quello che è a 360°, trovando la sua perfetta dimensione musicale. Possiamo dire che Lazza oggi, dopo questo album, è ufficialmente diventato grande.

Miglior traccia: Morto mai, Catrame

Voto complessivo: 7+/10

The following two tabs change content below.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Loading Facebook Comments ...

Un pensiero riguardo “Lazza è il “Re Mida” del rap italiano? – RECENSIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.