Il rocker ha parlato ai fan di nuovi brani ripescati dal cassetto

L’emergenza sanitaria globale lagata al Covid-19 ha naturalmente fermato anche Ligabue che in questi mesi aveva previsto la partenza di un tour dal vivo in tutt’Europa e di un maxi concerto a Campovolo con ben 100.000 presenze già completamente confermate.

Nell’annunciare lo slittamento al 2021 di entrambe le iniziative, però, il rocker di Correggio ha parlato ai fan anche dei nuovi progetti che sta portando avanti in queste settimane per riempire l’attesa.

In particolare, entro l’anno dovrebbero essere pubblicati sia un’autobiografia, scritta a quattro mani dallo stesso Ligabue con la collaboratore di un autore esterno, ed una sorta di disco d’inediti che vada a raccogliere vecchi brani rimasti nel cassetto per tanti anni.

“Mi sono ritrovato a frugare nei cassetti e ho trovato delle canzoni che stavano lì, alcune da anni – ha dichiarato il cantautore emiliano – su cui mi è piaciuto mettere le mani, in questo periodo, con musicisti e produttori ovviamente in maniera telematica, riscrivendo i testi. Anche lì, spero di potervi fare la sorpresa che ho in testa prima della fine dell’anno”.

E’ la prima volta in oltre trent’anni di carriera che Ligabue sceglie, dunque, di pubblicare un’autobiografia malgrado già in diverse occasioni si fosse confrontato con un’intensa attività letteraria pubblicando racconti, poesie e romanzi.

Per quel che riguarda il nuovo progetto discografico anche questo consiste in un’autentica novità per il modo con cui è stato concepito e, se davvero dovesse essere pubblicato entro l’anno, arriverebbe ad appena un anno e mezzo dall’ultimo progetto discografico d’inediti, ‘Start’ (di cui qui la nostra recensione), pubblicato lo scorso anno.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Di Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.