Le parole del gruppo bolognese, in gara alla 68esima edizione di Sanremo con “Una vita in vacanza”

Debutto al Festival di Sanremo per Alberto “Albi” Cazzola, Francesco “Checco” Draicchio, Lodovico “Lodo” Guenzi, Alberto “Bebo” ed Enrico “Carota” Roberto, i cinque membri de Lo Stato Sociale, in concorso con il brano “Una vita in vacanza”, tra i più trasmessi in radio. «Viviamo in un mondo di imposizioni – raccontano – il lavoro è un modo di esprimere noi stessi e, dal nostro punto di vista, deve essere vissuto con dignità e passione».

«Noi abbiamo fatto tanti lavori diversi, abbiamo sentito tante volte la tipica frase ‘ma il cantante non è un mestiere’, essere qui ci riempie di entusiasmo e di orgoglio. Manu Chao dice che ‘se un bambino canta la tua canzone sarà un successo’, questa è la cosa più bella che poteva capitarci». 

A chi li definisce gli eredi degli Elio e le storie tese, rispondono ironicamente: «E’ impossibile, perché loro sanno suonare. A parte gli scherzi, se siamo qui è solo grazie a loro, perché ci siamo sempre ispirati a quel modo di approcciarsi alla musica, scanzonato ed ironico, e abbiamo iniziato a seguire questa kermesse con le loro partecipazioni».

«La nostra è davvero una vita in vacanza, nel senso che tendiamo a circondarci di persone che ci fanno stare bene, di fare cose che ci piacciono». Sull’eventuale  vittoria e la conseguente ipotesi di andare all’Eurovision Song Contest, commentano: «Lisbona è una città bellissima, ci farebbe piacere, siamo fan dell’Eurovision, conosciamo bene Eddy Anselmi che ha lavorato con noi in radio, il primo a parlare di questa manifestazione in Italia. Ma tanto non avete capito che il Festival non lo vinciamo…».

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.