Maleizappa, la satira in musica - Recensiamo Musica

Maleizappa, la satira in musica

Divertenti, bravissimi, molto simpatici, polistrumentisti, artistici e con una personalità invidiabile, i Maleizappa non mi hanno assolutamente pagato perché io realizzassi questa presentazione di loro. Questa istrionica band di Caserta ha fatto uscire da poco un album stupendo e bellissimo “Dorem Ipsum”. Sono andato ad intervistarli perché queste pagine non potevano stare senza di loro.

D: Ciao ragazzi, parlateci un po’ di voi…

R: Siamo una band di Caserta che punta più sulla bellezza che sulla musica. Siamo nati nel 2004, avevamo bisogno di creare la band per poterci salvare dalla strada. L’origine del nostro nome non la sappiamo manco noi, è perché siamo braccia rubate all’agricoltura.

D: Raccontateci un po’ del vostro ultimo (ma non meno importante) disco.

R: Abbiamo messo insieme le nostre miserie, tutto quello che avevamo da dire ma anche quello che nessuno di noi voleva esprimere. È l’esigenza di tornare a fare della vera musica. Ci ispiriamo a tantissimi musicisti diversi, tra cui non ci sono né Frank Zappa, per quanto il nome possa ingannare, né tantomeno Elio & Le Storie Tese perché noi siamo molto molto più belli.

D: Come mai la scelta di dedicarvi a questo genere?

R: Hai presente Adele o Lana Del Rey? Ecco. Noi vogliamo combattere questa depressione dilagante nella musica con una leggerezza però impegnata e tanta libertà. Affrontiamo delle tematiche che sono terribilmente deprimenti ma lo facciamo scherzandoci su.

D: Quale è la canzone della vostra produzione che più vi rappresenta?

R: Di certo “Canzonette” che esprime come parlare in modo leggero di cose molto impegnate. Per lo stile invece suggeriamo l’ascolto di “Ragazzini” ed “Appartamento”.

D: Quale è la vostra opinione sui talent show?

R: I talent sono un modo per adescare la mediocrità, la banalità e tante altre cose poco positive in -ità. Però ci andremmo come dissacrazione e provocazione, quasi una sfida.

D: La canzone della musica italiana che avreste voluto scrivere

R: “Vaffanculo a chi vuò tu” degli Squallor.

D: Quali sono i vostri consigli simpatici e disinteressati per chi vuole provare a fare musica come voi e magari anche meglio?

R: Avere sempre un’alternativa alla musica, che sia il famoso pezzo di carta od un impiego fisso, tenersi sempre pronto un piano B e specializzarsi in qualcos’altro che di questi tempi non si sa mai.

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un’altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere.
Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *