Pagelle Nuovi Singoli

Tutte le nostre mini-recensioni dei nuovi singoli in radio

  • BITCH 30.0 – Chadia Rodriguez

Il ritorno musicale di Chadia Rodriguez arriva con questo brano che supera appena i 2 minuti per chiudersi e concludersi. Il linguaggio è quello senza filtri contemporaneo per soddisfare l’aderenza al mood di un suono duro che vuole aderire alla commistione tra rap e trap dei nostri giorni pur senza dimenticare la volontà di guardare anche al mainstream pop del gusto. Il risultato rimane, comunque, poco convincente malgrado le contaminazioni vogliano guardare ai mondi più diversi. VOTO: 4

  • METEO – Emanuele Aloia

Sembra essersi progressivamente già sgonfiato l’effetto discografico che Emanuele Aloia aveva mostrato a partire dalla sua fortunata ‘Il bacio di Klimt’ appena due anni fa. Con questa nuova uscita il giovane cantautore propone un pezzo pop che sfrutta la profondità timbrica della sua voce ma che cerca anche un ritornello facilmente canticchiabile dal proprio pubblico di riferimento. In questo senso la produzione di Steve Tarta assicura un effetto sicuro ma risulta anche fin troppo prevedibile nelle proprie scelte appiattendo ulteriormente un brano che non sorprende. VOTO: 5

  • 712 – GionnyScandal

Sceglie una partenza piano e voce per questo brano GionnyScandal che, poi, ci mette sopra tante parole per raccontare un’inquietudine non risolta nei confronti di una vita di cui non ci si sente sempre all’altezza. La strumentale si arricchisce, nel corso delle battute, della componente ritmica aprendosi, poi, ad un ritornello cantato melodicamente in cui la voce viene, però, supportata dall’aggiustamento sintetico. E’ proprio l’inciso la parte più debole della proposta risultando nettamente meno credibile rispetto a delle strofe che hanno un filone narrativo davvero interessante da seguire. VOTO: 6-

  • FANTASMI – Junior Cally

Altro estratto dall’ultimo lavoro discografico di Junior Cally che, prodotto ancora dai Room9, s’impegna nuovamente in un racconto testuale che visibilmente è dedicato ad un’esperienza ed un sentire realmente personale. Il tema, tuttavia, non è quello di un’indagine interiore per analizzare le inquietudini personali ma, piuttosto, il racconto di un amore finito e che lascia i due protagonisti lontani come due fantasmi. VOTO: 6.5

  • ALLA SALUTE – Mariella Nava

Dedica alla pratica del brindare all’arrivo di un nuovo anno da parte della cantautrice romana che nei suoi versi mette sempre quella profondità autoriale che ne contraddistingue non solo la penna ma anche l’interpretazione. Alla chiusura di un ciclo viene naturale riflettere su quanto fatto e su quanto si rappresenta personalmente nel proprio io allo stato attuale delle cose. Un ottimo modo per tracciare una linea e chiudere il conto per guardare al futuro che arriva. VOTO: 6.5

  • LA FORZA DELLA VITA – Paolo Vallesi e Gianni Morandi

Uno degli inni degli anni ’90 del pop italiano viene condiviso con la voce dell’eterno ragazzo di Moghidoro dal cantautore toscano che con questa canzone continua tutt’ora ad essere identificato dal grande pubblico. Morandi si adatta bene a questo tipo di liriche che, tutto sommato, ha anch’egli frequentato nel corso di una carriera che l’ha visto spesso impegnato con ritmi più elevati ma che talvolta l’ha messo alla prova anche con questo genere di interpretazioni più viscerali e classiche. Il risultato è piacevole anche se manca un po’ di quell’irruenza vocale che a tratti ci si poteva permettere per sottolineare alcuni passaggi. L’occasione è, tuttavia, ottima per riascoltare una grande canzone dedicata al dono più bello che abbiamo: la vita. VOTO: 7.5

Ascolta e acquista qui i brani |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.