Pagelle Nuovi Singoli

Tutte le nostre mini-recensioni ai nuovi brani in rotazione radiofonica

  • QUE TAL – Boro Boro e Cara

Cara possiede delle tinte vocali assolutamente interessanti che qui si fanno apprezzare particolarmente. La contrapposizione con la durezza timbrica di Boro Boro rende la voce della giovane cantautrice milanese particolarmente apprezzabile e assolutamente inseribile nel contesto internazionale ricco dei nuovi riferimenti del pop al femminile. Il brano si rivela giusto per le due identità artistiche e riesce a suonare trascinante pur senza rinunciare alla componente più “rappeggiante” di Boro Boro. Una buona fusione d’intenti. VOTO: 6+

  • PISTOLERO – Elettra Lamborghini

Ritorno alla musica per la giovane Lamborghini che nell’ultimo anno è stata particolarmente impegnata tra la televisione e la sua vita privata. Quale migliore occasione, dunque, per il ritorno sulle scene della stagione estiva? In questa speciale avventura si gioca un brano profondamente condizionato dalle ritmiche reggaeton e da qualche verso strategico in spagnolo. L’effetto è assicurato riuscendo ben presto a far rivelare il pezzo assolutamente orecchiabile e facilmente memorizzabile. Nessuna novità, dunque, ma efficacia assicurata. Peccato per una voce che suona irrealisticamente così pulita e vicina ad altri riferimenti “stagionali”. VOTO: 6-

  • CHE SOGNO INCREDIBILE – Emma e Loredana Bertè

Un’accoppiata che, a giudicare dai nomi coinvolti, avrebbe dovuto puntare tutto su di una potente ballata pop-rock e che, invece, si trova a confrontarsi su di un pezzo dal sapore leggermente estivo. La produzione spensierata di Zef rende il tutto più vicino alla stagione primaverile ma, indiscutibilmente, il ritornello ha tutte le carte in regola per riuscire a dire la propria nella rotazione radiofonica. Scorre via con leggerezza e piacevolezza anche se, forse, sarebbe stato il caso di ragionare attorno ad un coinvolgimento diverso della rock-woman calabrese che, qui, fatica a sfoggiare tutto il suo potenziale graffiato. VOTO: 7+

  • IMPRONTE – Enula

La più bella delle (sgraziate) voci dell’ultima edizione di ‘Amici 20’ si propone in rotazione radiofonica con un brano co-firmato con Dario Faini e Franco126 che di scrittura contemporanea se ne intendono in modo particolare. Il connubio pare funzionare in modo particolare riuscendo a realizzare una perfetta alchimia tra un suono completo ma non troppo invasivo o ricercato ed una vocalità intensa nella sua timbrica sabbiosa e fine. Il modo di allungare le note di Enula finendo quasi sempre in un sospiro riesce a catturare l’attenzione dell’ascoltatore e a caratterizzare un brano apparentemente non troppo pretenzioso ma comunque ben scritto. VOTO: 7

  • SEMPRE BENE – Frah Quintale

Si dimostra sempre particolarmente ispirato nella costruzione delle sue liriche Frah Quintale. Qui racconta di una storia d’amore che finisce ma che impone alle due parti coinvolte di “stare sempre bene anche senza” me/te. La produzione di Ceri aggiunge al tutto un tocco di classe senza tempo che trattiene il tutto dentro una dimensione musicale particolarmente trattenuta ed ovattata. “Sarà difficile restare soli” è la conclusione di una narrazione lineare e pulita che beneficia di un sound particolare ma efficace. Una bella amalgama. VOTO: 7

  • TUTTECOSE – Gazzelle e Mara Sattei

E’ la sorpresa del giorno dato che questa collaborazione non se l’aspettava davvero nessuno. Il più nostalgico ed intimo dei nuovi cantautori indie-pop si affianca alla voce limpida della rappresentante della nuova scuola del pop-rap. Il brano si rivela particolarmente vicino al mondo di riferimento di Gazzelle ed apre una nuova finestra nell’avventura musicale di Mara Sattei che questa volta ha l’occasione di poter dimostrare di essere particolarmente adatta anche a questo tipo di linguaggio musicale. L’amalgama delle due voci funziona e riesce a creare un effetto coinvolgente senza alzare i toni o ricercare le solite ricette estive. VOTO: 7-

  • ASSAJE – Gigi d’Alessio

Particolarmente ispirato dai “contemporanei” anni ’80 Gigi d’Alessio prosegue nella sua opera di riattualizzazione. Lo fa proseguendo la strada del riutilizzo della lingua napoletana che, dopo essere diventata l’ostacolo per la sua “nazionalizzazione” musicale, ora si rivela essere lo strumento per la riaffermazione nell’oggi discografico e musicale. Il cerchio si chiude con l’utilizzo di una produzione particolarmente condizionata da strumenti sintetici e da quelle tipiche tastiere anni ’80 che, nella sua carriera, non così frequentemente il cantautore partenopeo ha utilizzato. VOTO: 6+

  • MAREA – Madame

Malgrado abbia pubblicato un album ricchissimo di contenuti e collaborazioni da soli pochissimi mesi la rivoluzionaria artista vicentina opta già per un nuovo inedito da proporre per la stagione estiva. Per questa sua nuova avventura torna ad appoggiarsi a Dario Faini che le costruisce attorno una produzione tutta elettronica che sfoggia anche qualche sfumatura esotica che ben si sposa alla vocalità di Madame. Il ritornello funziona e trascina con facilità l’ascoltatore anche se probabilmente un maggior impegno dinamico a livello vocale avrebbe reso il tutto ancora più esplosivo. VOTO: 7

  • DAVID CHI? – N.A.I.P.

L’eclettica ultima scoperta di X-Factor si ripropone dopo la sua avventura all’interno del talent show con questo nuovo singolo che, di fatto, ribadisce quanto già messo in evidenza a livello di scrittura testuale e melodica. La sua voce si sposa in modo del tutto particolare con la possibilità di distorsione e di suono contemporanea. E’ a livello testuale, però, che il suo messaggio prova a farsi importante ricercando un linguaggio capace di uscire dagli schemi per nascondere e portare a destinazione un proprio personale messaggio. Anche se questo non sempre viene ad essere compreso dall’ascoltatore medio ecco che, comunque, il suono riesce a risultare così contagioso che diventa impossibile non trovare qualcosa di irrinunciabile in questo tipo di proposta. VOTO: 6.5

  • MAKUMBA – Noemi e Carl Brave

Parte con una Noemi che non sembra nemmeno lei per un utilizzo inedito del falsetto. Prosegue, poi, nella forma più classica delle canzoni di Carl Brave che, a tutti gli effetti, risulta essere il condottiero di tutto il pezzo. Il ritornello si rivela assolutamente funzionale per la stagione estiva pur senza adottare i ritmi reggae stra-abusati. Noemi riesce a proseguire quel suo percorso di rinnovamento attraverso una collaborazione che continua a guardare all’ambiente urbano e ad un cantato leggerissimo che, di fatto, mancava dal suo repertorio ma che le può appartenere senza alcuna difficoltà. Collaborazione riuscita per un brano che non uscirà facilmente dalla testa. VOTO: 7.5

  • UN BACIO ALL’IMPROVVISO – Rocco Hunt e Ana Mena

La coppia che risulta ancora campione in carica per la stagione estiva si ripropone anche in questo 2021 dopo il successo di ‘A un passo dalla luna’. Il risultato non è di certo una novità e, anzi, suona particolarmente simile al proprio predecessore. Il ritmo si avvicina particolarmente alla bachata e l’incipit dell’inciso è del tutto sovrapponibile con quello del precedente episodio musicale della coppia. Ana Mena canta come sempre con leggerezza e sensualità rispettando lo schema del classico pezzo rap-pop che le assegna il compito di reggere gran parte della scena. Funzionerà sicuramente ma sa un po’ di minestra riscaldata… VOTO: 5

  • IN UN’ORA – Shade

In quello che è, a tutti gli effetti, il venerdì radiofonico dei nuovi tormentoni estivi non poteva venire a mancare nemmeno il contributo di Shade. Anche lui come tanti gli altri protagonisti di questa giornata non rischia ma, anzi, si limita a riproporre la ricetta più tipica della sua solita forma-canzone dell’ombrellone. Se funzionava la prima, dunque, funzionerà anche questa pur dovendo confrontarsi con il rischio di suonare ripetitivo e poco originale sia nei temi che nel cantato e nei suoni scelti. VOTO: 5.5

Acquista qui il brano |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.