mercoledì, Giugno 19, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

Pagelle Nuovi Singoli: Noemi torna al graffio, Gazzelle prova il rock

Tutte le nostre mini-recensioni dei nuovi singoli in rotazione radiofonica

  • CANZONE INUTILE – Alessandra Amoroso

Le firme di Takagi, Ketra, Federica Abbate, Cheope e Rocco Hunt farebbero pensare ad un tormentone reggae e, invece, il nuovo singolo della cantante salentina è quanto di più “Amoroso-style” ci possa essere. Una lenta e delicatissima ballata pop racconta di un amore che “se nasce poi non finisce”. Alessandra dimostra di essere maturata mettendo sul piatto un’interpretazione intensa e mai sopra le righe: non c’è più spazio per crescendo vocali barocchi o esasperati ma, piuttosto, ci si concentra nel restituire un colore timbrico denso, spesso ed impattante. Una prova di classe, maturità ed interpretazione che riporta (finalmente) al pubblico un’artista più profonda di quanto non lo sia stata nelle ultime apparizioni. VOTO: 8

  • FINCHE’ NON MI SEPELLISCONO – Blanco

Blanco oramai abbiamo iniziato tutti a conoscerlo ed apprezzarlo. La sua voce ed il modo in cui viene prodotta è ben riconoscibile ed identificabile. Questo, però, non gli impedisce di suonare ogni volto nuovo, alternativo alla parte rimanente del panorama e credibile. Anche in questo nuovo brano la sensazione viene ribadita con capacità sia autorale che interpretativa. Dopo un brano delicato e sussurrato questa volta la strada scelta è quella di un pezzo più spinto nella direzione di un suono più deciso. Rimane vivo il desiderio di ascoltare, il prima possibile, la voce di Blanco spogliata delle sovrastrutture produttive che, anche in questa canzone, risultano preponderanti. VOTO: 6.5

  • FOTTUTA CANZONE – Gazzelle

Gazzelle si da al rock prendendo, forse, ispirazione dalla rinascita di certe sonorità nel corso dell’ultimo periodo. Malgrado questo, però, la sua scrittura non perde di nostalgia, romanticismo e capacità di raccontare con visceralità il vivere. Il pezzo c’è e la sua scrittura è convincente e curata come sempre. Ad essere meno convincente è proprio quella struttura ritmica e quell’imposizione della svolta pop-rock che suona più come una forzatura che come una maturazione musicale ed artistica. VOTO: 6-

  • FOTTUTO INVERNO – Modà

L’uscita del nuovo album del gruppo di Kekko Silvestre è accompagnato in rotazione radiofonica da questo nuovo singolo che, con coerenza, ripropone tutte le più tipiche caratteristiche dei Modà. Ci finiscono dentro, infatti, la scrittura romantica di Kekko, la chiave pop-rock, l’adozione di strumenti suonati e l’adozione della tematica amorosa declinata con un testo che si rivolge direttamente ad un tu. Il ribadire di questa struttura indiscutibilmente conferisce al brano la sensazione rassicurante di riconoscibilità. D’altra parte, però, la canzone, non distinguendosi da altre di un repertorio ormai ampio, non spicca nè per originalità nè per essere tra le più ispirate. VOTO: 6

  • GUARDARE GIU’ – Noemi

Noemi ha vissuto un 2021 di grande rilancio e lo ha fatto anche grazie ad uno svecchiamento del proprio repertorio (‘Makumba‘ in primis). Arrivando a questo nuovo singolo, invece, dimostra di non aver affatto dimenticato la propria vocazione stilistica originale. Anche se scritto dal giovanissimo Alessandro La Cava il pezzo è un manifesto cantautorale che racconta di vita e paure attraverso una storia d’amore. A farsi notare, però, è soprattutto la vocalità della rossa interprete che torna a dare ampio spazio al proprio timbro graffiato e sabbioso confrontandosi con un sali e scendi melodico interessante. Il pezzo, seppur non scontato, può funzionare e dimostrare che non occorre per forza essere scontati od omologati per piacere. VOTO: 7.5

  • PERSO NEL BUIO – Sangiovanni e Madame

I due artisti che hanno messo in primo piano una promettente e viva scena musicale vicentina s’incontrano per la prima volta su di un singolo congiunto dopo un anno che, per entrambi, ha rappresentato la consacrazione vera. La canzone dopotutto racconta proprio questo: di come, a volte, ci si possa trovare spiazzati di fronte ai cambiamenti repentini che la vita può piazzarci davanti. Intorno a tutto questo buio, però, rimarrà viva ed accesa la luce dell’amicizia più autentica: un faro che saprà guidarci e consolarci anche quando avremo l’impressione di essere circondati solo da tenebre. Il brano, sufficientemente nelle corde di entrambi, è quanto di più rappresentativo dell’oggi musicale che possa esistere. VOTO: 6.5

  • LA STREGA DEL FRUTTETO – Sick Luke, Chiello e Madame

Tre delle realtà più attuali della musica italiana attenta ai cross-over di generi e suoni si uniscono per un brano che suona freschissimo, coinvolgente e spensierato. Anche la voce di Madame, che tra le tre è quella dispone delle tinte più cupe, finisce per suonare solare, calda ed avvolgente. Il mix di esperienze, scritture e vocalità funziona perfettamente e la canzone ne beneficia risultando ben calibrata. VOTO: 7

Acquista qui i brani |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.
Ilario Luisetto
Ilario Luisetto
Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.