Tutte le nostre mini-recensioni dei nuovi singoli in radio

  • LENTAMENTE – Cara

Dopo aver ottenuto la popolarità al fianco di Fedez che le ha donato qualche strofa la nuova realtà emergente del pop 2.0 al femminile torna a proporsi con questo nuovo singolo che, di fatto, si rivela essere la perfetta continuazione del precedente estratto. Suoni tutti derivati dal mondo urban che Davide Simonetta alla produzione conosce alla perfezione e riesce sempre a valorizzare. Lei mantiene una vocalità soffusa che gioca sulle tinte morbide di un cantato sensuale, sussurrato e quasi soffiato nella sua emissione. Il pezzo procede piacevolmente senza mai spingere davvero sull’acceleratore o cambiare davvero la marcia sul piano della dinamica vocale per poggiarsi alla perfezione sull’artisticità che tanto piace sull’altra sponda dell’Atlantico. VOTO: 6.5

  • #CLUB PARADISO – Club Paradiso

Un ritorno che va sotto la voce Lorenzo Fragola per i più ma che, in realtà, unisce anche altri tre interpreti catanesi tra cui anche lo stesso fratello del più noto cantautore emerso negli ultimi anni e di cui, ultimamente, si erano perse un po’ le tracce a livello di mainstream per la volontà di ricercare una dimensione più propria. Anche se questo progetto parallelo non è, in realtà, il suo vero ritorno discografico Lorenzo si fa apprezzare come assoluto protagonista del brano che gioca su tinte estive che se sostenute a dovere da radio e playlist potrebbero davvero sfondare e conquistare il titolo di tormentone d’estate. Il collettivo a quattro voci funziona benissimo non risultando affatto eccessivo e la produzione, curata dallo stesso Fragola, è quanto mai efficace ed azzeccata. Un ritorno che aspettavamo e che rilancia Fragola nuovamente verso la stagione a cui tanto deve nella costruzione del suo successo passato. Un pezzo gradevole, fresco e tra i più orecchiabili dell’anno. VOTO: 8

  • MA COSA VUOI? – Deborah Iurato

Che Deborah avesse deciso di dare una svolta alla propria artisticità e musicalità l’avevamo già capito dalle sue ultime uscite che, però, non avevano mai costituito un qualcosa di davvero fruibile dalla larga platea da cui nasce discograficamente. Stavolta, invece, l’interprete siciliana tira fuori un singolo che vuole farsi canticchiare con leggerezza e senso compiuto cogliendo in pieno il sapore estivo pur senza adagiarsi sulla ricetta del reggaeton che, ormai, risulta fin troppo inflazionato. Piace la sua ricerca sonora su mood più sintetici e ritmici pur mantenendo la sufficiente pulizia della sua vocalità sempre potente ed incisiva nei confronti dell’ascoltatore. Un bel ritorno dopo un periodo lungo di stop o proposte non così incisive. VOTO: 7.5

  • FACCI CASO – La Camba

Torna a proporsi mettendoci la voce la brava Federica Camba che, in questi ultimi dieci anni ha costruito la sua fortuna a partire dalla carriera di autrice per alcune delle migliori voci pop del nostro panorama discografico (soprattutto post-talent). Cambia nome e diventa La Camba ma sostanzialmente mantiene il suo timbro sia sutorale che vocale anche con questo brano che gioca su di una buona base ritmica ed una voce che si colora di tinte graffianti ed intense. Tante tante parole dentro una canzone che non lascia alcuno spazio vuoto ma che ha la volontà di riempire ogni momento con il racconto di esperienze di vite che, in qualche modo, hanno formato la persona che oggi si è. Un pop italiano sincero che piacerà agli amanti del genere. VOTO: 7

  • SIRENE – Levante

E’ il tipo di ritorno che non ti aspetti perchè la cantautrice che (fuori) dall’Ariston ha conquistato tutti con la sua carica in ‘Tikibombom’ per l’estate opta per un brano che abbassa i toni e ammorbidisce i suoni per rispondere anche all’anomalia di un’estate del tutto particolare. Rispetto a tutta quella schiera di colleghi che ha scelto di far finta di nulla e di proporre il classico reggae a tema bevande alcoliche e località esotiche, Claudia opta per una ballata che adotta chitarre e un’orchestrazione più tradizionale per raccontare di braccioli che si sgonfiano e ombrelloni che si chiudono il tutto trattenendo la vocalità e la potenza del cantato che, invece, abdica al racconto di una realtà piuttosto che dei cliché. Una garanzia di qualità. VOTO: 8.5

  • E’ LA VITA CHE CONTA – Loredana Errore

Loredana è da sempre un’interprete di classe e bravura difficilmente eguagliabile oltre che dotata di una vocalità istrionica che fa amare la duttilità e la versatilità del suo impiego. Lo dimostra anche in questo nuovo singolo in cui torna a dedicarsi alla bellezza e alla preziosità della vita. Il problema di questo brano, però, rimane nella produzione che, come il precedente estratto, si dimostra sommaria, troppo sintetica e fittizia accusando il colpo della totale assenza di reali strumenti suonati a vantaggio di una base del tutto campionata. La scelta va, probabilmente, anche nella direzione di voler dare una dimensione più fresca e contemporanea alleggerendo un cantato che spesso è stato accusato di essere eccessivo e preponderante. Bello il testo ed il tema, meno la scelta di come incasellarlo musicalmente riducendo la “sfrontatezza” vocale con un appiattimento sonoro. Speriamo torni presto ad osare sull’onda della tradizione da reinventare con la sua voce unica. VOTO: 6/7

  • LA CANZONE DELL’ESTATE – Luca Carboni

Già da qualche tempo, o forse da sempre, Luca è stato un re del sapore estivo in musica e la volontà è chiaramente ribadirlo anche in questa stagione 2020 in cui si ripropone con questo brano che arriva come un fulmine a ciel sereno visto che non in molti si attendevano il suo ritorno proprio in questa stagione così piena. La ricetta rimane fedele alle ultime produzioni elettroniche del cantautore bolognese che accompagna un arrangiamento tutto up ad un testo malinconico che guarda al passato con i ricordi della giovinezza o dei russi che si confrontano con gli americani. Funzionerà, come sempre, in rotazione radiofonica. VOTO: 7-

  • DORADO – Mahmood, Sfera Ebbasta e Feid

Tanto andò bene ‘Calipso’ che riproporre l’accoppiata Mahmood-Sfera Ebbasta sembrava un imperativo piuttosto necessario ed inevitabile. Stavolta si aggiunge l’ingrediente latino che fa sempre estate e, d’altronde, meglio non sottovalutare nemmeno le esigenze della bella stagione. Stavolta, però, la cosa funzionerà di meno e ve lo assicuro non perchè sono un indovino ma perchè la tendenza che ultimamente sta vedendo Mahmood sempre più vicino agli ambienti rap-trap rispetto alla ricetta della contaminazione del pop canticchiabile da cui deriva lo costringerà a ridursi ad una nicchia che non favorisce la popolarità grazie alla quali si creano i tormentoni soprattutto nella stagione estiva. Musicalmente perfetta, diventa anche orecchiabile nel corso del suo sviluppo ma Mahmood ha bisogno di recuperare il cantato più “pop” e una scrittura più accessibile nei temi e nella costruzione melodica. VOTO: 6

  • LUCI ACCESE – Martina Beltrami

Arriva in radio questo singolo di debutto della cantautrice conosciuta negli ultimi mesi in quel di ‘Amici di Maria de Filippi’. La ricetta seguita è quella di una bella costruzione pop con delle strofe che caricano in attesa di un inciso più power capace di giocare sull’orecchiabilità pur mantenendo il focus del testo sulla riflessione attorno a “chi ci sarà quando sto per cadere”. Martina condisce il tutto con una voce che si adatta perfettamente alla canzone sfoderando una voce a tratti soffiata e delicata e altre volte potente e decisa per sottolineare i versi in cui crede maggiormente. Una bella creazione pop che mancava da qualche tempo dalle nostre orecchie nostalgiche della tradizione. VOTO: 7+

  • SEI NELL’ANIMA – Negramaro

Mr. Giuliano Sangiorgi fa sua la celebre hit che fu di Gianna Nannini all’inizio di questo secolo e lo fa con una maestria di cui spesso dispongono solo i grandi musicisti. Una versione del classico della cantante senese che la rispetta in tutto pur permettendosi di cambiarne in parte i connotati per farne una struttura più soft dal punto di vista dell’arrangiamento e dei colori sonori a cui si adatta alla perfezione la voce del leader della band salentina con il suo falsetto ormai noto ed apprezzato su più fronti. Tra le tante cadute che l’iniziativa I love my radio sta provando tra i loro insigni colleghi questa, senza ombra di dubbio, costituisce la più bella ed apprezzabile rivisitazione di un successo storico. VOTO: 7.5

Acquista qui i brani |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Di Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.