Clementino 2019

Recensione dell’ultimo singolo “napoletano” del rapper

Clementino torna sulle scene e sceglie di farlo appena prima della fine di quest’ultimo 2020 con il suo nuovissimo singolo dal titolo ‘Partenope’, disponibile a partire da venerdì 21 dicembre in rotazione radiofonica e su tutte le classiche piattaforme digitali per RCA/Sony Music Italy (dopo che per anni è stato sotto contratto con Universal). Il brano arriva ad oltre un anno e mezzo di distanza dalla pubblicazione del suo ultimo progetto discografico in studio dal titoloTarantelle, pubblicato nel maggio del 2019. Nel mezzo tante collaborazioni, concerti ed esperienze “extra musicali”, come quella a The Voice Senior in veste di giudice, dove il rapper è riuscito a farsi apprezzare grazie alla sua allegria.

A proposito del brano, il rapper dice: “finalmente dopo tanti anni sono riuscito anche io a dedicare una mia canzone a Napoli, ad omaggiare la stupenda Partenope. Io, che ho girato tutto il mondo, il sole di Napoli non l’ho mai visto da nessuna parte. Dicono ‘vedi Napoli e poi muori’, è vero perché è così bella che hanno ragione. In tutti i posti dove sono stato ho visto che c’era bisogno di un po’ di Napoli, perché Napoli non è una città, Napoli è un mondo e una mentalità”.

Pubblicato nel giorno del suo compleanno, che, coincidenza, cade lo stesso giorno del compleanno della sua città, Clementino dedica questo pezzo alla sua amata Napoli e lo fa tirando fuori dal cilindro un testo sincero in cui ad uscire è tutto il suo legame viscerale con la città. La base, prodotta da Daniele Franzese, risulta leggera e ben legata alle parole del testo, Clementino descrive la sua Napoli esattamente per come quest’ultima si mostra davanti ai suoi occhi. Napoli è i suoi colori, le sue storie e le sue contraddizioni. Il rapper la racconta come un figlio racconterebbe di suo padre, dimostrandosi pronto a difenderlo a spada tratta.

Clementino è sempre stato un artista poliedrico e vario, capace di variare sul tema parlando con ironia tagliente di strada, ma anche cantando l’amore e la sofferenza. In questo caso l’interlocutore è uno solo e il rapper ci si rivolge per tutta la durata della canzone: 3 minuti e 7 secondi di puro amore. Non è certo la prima volta che Clementino omaggia la sua città, ma in questo caso lo fa a 360° con una dichiarazione d’amore senza freni.

‘Partenope’ è un inno denso d’amore, una serenata rivolta a qualcosa che il rapper vede come eterno e impossibile da cancellare. Clementino sa di poter parlare della sua città in questo modo perchè l’ha vissuta, amata e capita, essendoci nato e cresciuto; negli anni ha omaggiato usi e costumi e grandi nomi come Pino Daniele e Maradona. “Ma nisciuna è cchiù bella ‘e Partenope stasera”: parole semplici, dirette ma efficaci, che permettono all’artista di dipingere un quadro romantico colorato da tutto il suo amore per Napoli.

Acquista qui il brano |

Partenope | Testo

Stasera t’aggi’a parlà
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera
Stanotte m’affaccio o balcone
Te guardo e si ‘a meglia guagliona
Me diceno ca nun staje bono
Sì, t’hanno tuccato cchiù vote
Te sporcano pe’ n’ata vota
E penzano: “Chi se ne fotte?”
E nuje ca simmo figlie tuoje
Currimmo bendate ‘int”o scuro
E ‘a storia ca parla pe’tté
Tu ca si tale e quale a me
So’ nato ‘o stesso juorno tujo
‘A vita saje che è nu mistero
Perdona pe’ chello ca è
Ancora me chiedo ‘o pecché
Stanno me metto a penzà
Ca si l’unica verità
Stasera t’aggi”a parlà
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera
Uoh-oh-oh-oh
Uoh-oh-oh (Partenope stasera)
Uoh-oh-oh
Uoh-oh-oh
Nu canto ‘e na sirena (nu canto ‘e na sirena)
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera
Damme chello ca m’hanno luvato
Guarda comme c’hanno cumbinate
Vide ca nun simmo maje cagnate
Mare e sole ca s’hanno ‘ncuntrate
‘Sti guagliune sempe scumbinate
Chi p”o male po’ s’è fulminato
Ma ne trove sempe ancora ll’ate
Gente ca s’è ‘nnammurata
Na sinfonia ca scorre dint”e vene
Varie quartiere fino abbascio ‘e Vele
Passanno da periferia c”a famme
E po’ cumbatto comme a nu guerriero
Chi vene ‘a Napule è DNA
Te chiammo “fratemo” si tu staje ccà
Ma quale America, ‘e che vuo parlà?
Faccio na dedica pe’ ‘sta città
Chi la conosce e po’ ne parla male
Chi sta luntano, torna e se ne va
Chiagnenno pecché po’ l’ha dda lassà
E chi cumbatte ancora e resta ccà
Stasera t’aggi’a parlà (stasera t’aggi’a parlà)
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena (nu canto ‘e na sirena)
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo (tante sotto a ‘stu cielo)
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera
Uoh-oh-oh-oh
Uoh-oh-oh (Partenope stasera)
Uoh-oh-oh
Uoh-oh-oh
Nu canto ‘e na sirena (Nu canto ‘e na sirena)
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo (‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo)
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Napule stasera
The following two tabs change content below.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Di Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.