“Pendolari” segna il ritorno di Shade

Nuovo singolo per il rapper torinese

È in radio e su tutte le piattaforme digitali dallo scorso venerdì 13 gennaio 2023Pendolari“, nuovo singolo di Shade. Il brano, edito da Epic Records Italy e Sony Music, mostra un lato più introspettivo del rapper torinese.

Caratterizzato da un linguaggio e dei riferimenti contemporanei, “Pendolari” è un pezzo riflessivo e ricco di emotività. Al centro vi è la descrizione di un parallelismo che unisce l’immagine del pendolare, di ritorno da una giornata faticosa, a quella di un innamorato che non vede l’ora di ritrovarsi tra le braccia della persona amata. Attraverso questa metafora, l’artista evidenzia lo spostamento del concetto di casa dal livello concreto a quello astratto, andando a coincidere sempre di più con una persona piuttosto che con un luogo fisico.

Shade - Pendolari

Il vestito musicale è qualcosa di nuovo per Shade, che accompagna la sua voce ad una strumentale molto più spoglia e minimal affidata al suo produttore di fiducia Jaro. In questo modo, l’ascoltatore è invitato ad immergersi in maniera diretta e profonda nelle sensazioni che nascono dall’ascolto dalle parole e dalla melodia.

Il brano – dichiara il rapper – utilizza la metafora dei pendolari per descrivere una storia d’amore in cui il punto focale è il ritorno a casa dopo una brutta giornata. Per un pendolare casa non coincide solo con un luogo, ma spesso e volentieri con una persona. In una relazione soprattutto, casa per qualcuno è la propria metà“.

Ascolta e acquista qui il brano |

The following two tabs change content below.

Nick Tara

Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.
Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.