Per un tema una canzone: essere pronti ad amare in “Mi farò trovare pronto” di Nek

Analizziamo un tema per mezzo di una canzone

È come se si cercasse un modo per prevedere le nostre reazioni emotive e poi poterle controllare, ma una formula matematica chiaramente non esiste. È come se si pensasse di conoscere nel dettaglio i nostri sentimenti e il loro modo di reagire di fronte ad emozioni forti che cambiano di volta in volta. Anche qui non siamo in presenza di un binario preciso.

Il centro del discorso sta nel rendersi conto che nella vita emozionale non funziona come a scuola o come nello sport. In questi ultimi due ambiti si studiano argomenti che andranno poi riproposti o si provano all’infinito esercizi in vista di una competizione che si prepara in ogni suo particolare e, con tutte le imprevedibilità del caso, in linea di massima si ha un’idea precisa di come lavorare per farsi trovare preparati al giorno dell’esame, sia esso l’interrogazione o la gara sportiva. Se si parla d’amore, invece, risulta difficile ragionare allo stesso modo perché le sfaccettature di questo sentimento sono talmente ampie, talmente profonde, talmente diverse da non prevedere un manuale che possa dirti come comportarti passo dopo passo. “Sono pronto, sono pronto a non esser pronto mai”.

Il vero risultato di consapevolezza è riscontrabile piuttosto nel rendersi conto di non sentirsi mai pronti davanti a un sentimento così grande, rinunciando quindi alla pretesa di poter ragionare esclusivamente in modo razionale nell’indirizzare le nostre emozioni e di poterne prevedere reazioni e direzioni. Senza ombra di dubbio possiamo conoscere il nostro carattere e constatare il livello di sensibilità con cui interagiamo con la realtà, ma pretendere di essere in grado di inquadrare l’amore all’interno di schemi precisi e razionali può essere un errore. Al contrario, essere consapevoli di quanto sia mille volte più forte di noi con la sua capacità di stravolgere la nostra vita è il primo passo per capire che sapere di non essere pronti è l’unico passaggio per poter esserlo. “Sono pronto a non esser pronto mai per essere all’altezza dell’amore”.

Per raggiungere il livello di consapevolezza appena descritto è senza ombra di dubbio necessario sperimentare e vivere i grandi sentimenti, vedere dove ci portano e come il nostro carattere reagisce alla loro presenza. A quel punto sarà più chiaro il significato di quel mi farò trovare pronto “a non esser pronto mai”.

L’obiettivo è farsi trovare pronti nel momento in cui l’amore travolgerà la nostra vita come un’onda di speranza, con tutto il suo bagaglio di novità, ottimismo ed entusiasmo, ma anche con il suo manifestarsi in momenti delicati, quando tutto sembra perso. “Mi farò trovare pronto all’impatto col tuo nome/mi farò trovare pronto ad ogni regola che inverti”.

La consapevolezza di rispettare i sentimenti sarà il nostro scudo nei confronti delle falsità e la chiave di accesso per i sentimenti sinceri “con la guardia sempre alta, anche con i sentimenti”. In secondo luogo è interessante riflettere su quanto sia complesso anche solo tentare di descrivere l’amore, emergendo tutta la piccolezza dell’essere umano davanti al concetto di infinito che attribuiamo alle grandi  forze emotive. Possiamo dedicare canzoni, scrivere lettere con frasi dolcissime e tentare di oggettivare il nostro amore anche attraverso sorprese e regali, ma nulla di tutto ciò saprà rispecchiare davvero la pienezza e la profondità di un sentimento: “libri di milioni di parole, ce ne fosse almeno una per essere all’altezza dell’amore. Frasi di chissà quale canzone, ne venisse adesso una per essere all’altezza dell’amore” che sappiamo essere molto più grande di noi.

Essere consapevoli di ciò significherà assumere un atteggiamento di rispetto verso tutti i sentimenti, di apertura e di ascolto verso i lati emotivi del carattere. significherà continuare a raccontare l’amore nella convinzione che un sentimento infinito non potrà mai essere raccontato del tutto. Così ci si farà trovare pronti, come non lo si è mai stati: “sono pronto, come non ho fatto mai, mai”.

The following two tabs change content below.

Riccardo Castiglioni

Conduttore radiofonico e presentatore di eventi. Terminato il liceo classico, sto al momento frequentando la facoltà di giurisprudenza all’università; il fortissimo interesse per il mondo della comunicazione mi ha portato ad entrare in un primo momento a contatto con il mondo delle presentazioni e, in un secondo, con quello radiofonico; realtà della comunicazione che si intreccia e va di pari passo con la passione per la musica, centro di molti miei discorsi.

Riccardo Castiglioni

Conduttore radiofonico e presentatore di eventi. Terminato il liceo classico, sto al momento frequentando la facoltà di giurisprudenza all’università; il fortissimo interesse per il mondo della comunicazione mi ha portato ad entrare in un primo momento a contatto con il mondo delle presentazioni e, in un secondo, con quello radiofonico; realtà della comunicazione che si intreccia e va di pari passo con la passione per la musica, centro di molti miei discorsi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.