Per un tema una canzone: Francesco Gabbani e la capacità di descrivere l’amore in “Viceversa”

Affrontiamo un tema collegandoci ad una canzone

Ci voleva Francesco Gabbani per descrivere in modo semplice i meccanismi che governano il sentimento dell’amore. A riguardo è stato scritto veramente di tutto e il più delle volte la narrazione dell’amore finisce per perdersi in parole astratte che perdono il contatto con il reale. Invece in una sera di febbraio dal palco dell’Ariston ti senti cantare questa frase: “Sei tu che mi fai stare bene quando io sto male e viceversa”.

Chi lo avrebbe mai detto che per spiegare la complessità servisse la semplicità? Gabbani riesce ad essere concreto dall’inizio alla fine della canzone risultando di conseguenza impossibile non fare proprio il contenuto proposto. L’artista toscano decide di accompagnarti all’interno della sua spiegazione passo dopo passo proprio come se fosse un insegnante che cerca di rendere il più semplice possibile il succo di una lezione che di per sé facile non è.

Gabbani crea delle premesse e fornisce soluzioni creando una sorta di filo logico da seguire senza troppe difficoltà “Se dovessimo spiegare in pochissime parole il complesso meccanismo che governa l’armonia del nostro amore, basterebbe solamente dire, senza starci troppo a ragionare che sei tu che mi fai stare bene quando io sto male e viceversa”. Mentre tanti artisti scelgono la via della descrizione complessa che necessita di più ascolti e di una attenzione totale ai dettagli in cui spesso sono nascoste le soluzioni ai “Complessi meccanismi” nel nostro caso ci troviamo di fronte ad uno stile comunicativo immediato e veloce. Dal primo ascolto si ha già tutto chiaro.

Il sentimento nella nostra quotidianità presenta contraddizioni, fragilità e momenti in cui inevitabilmente rischia di essere messo in discussione “Un battibecco nato su un letto”/ “Semplici oppure complessi, libri aperti in equilibrio tra segreti e compromessi, facili occasioni per difficili concetti”/ “Solitudini e condivisioni”. Delicatezze che però ritrovano il loro equilibrio nel far prevalere nonostante ogni difficoltà emozioni e stati d’animo “Non c’è soluzione che non sia l’accettazione di lasciarsi abbandonati all’emozione”.

Alla fine di tutto questo pensare però arriva quel ritornello che come una candela in una stanza buia rende i contorni decisamente chiari. L’amore risiede nell’idea che tu mi fai stare bene quando io sto male. E Viceversa. Quante persone riassumono in questa fotografia i loro sentimenti così tanto difficili da esprimere ma, davanti ad immagini di questo tipo, così tanto efficaci.

The following two tabs change content below.

Riccardo Castiglioni

Conduttore radiofonico e presentatore di eventi. Terminato il liceo classico, sto al momento frequentando la facoltà di giurisprudenza all’università; il fortissimo interesse per il mondo della comunicazione mi ha portato ad entrare in un primo momento a contatto con il mondo delle presentazioni e, in un secondo, con quello radiofonico; realtà della comunicazione che si intreccia e va di pari passo con la passione per la musica, centro di molti miei discorsi.

Riccardo Castiglioni

Conduttore radiofonico e presentatore di eventi. Terminato il liceo classico, sto al momento frequentando la facoltà di giurisprudenza all’università; il fortissimo interesse per il mondo della comunicazione mi ha portato ad entrare in un primo momento a contatto con il mondo delle presentazioni e, in un secondo, con quello radiofonico; realtà della comunicazione che si intreccia e va di pari passo con la passione per la musica, centro di molti miei discorsi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.