Per un tema una canzone

Affrontiamo un tema collegandoci ad una canzone


Ho imparato a sognare” e l’ho fatto grazie anche alla musica. Perché il miglior modo per imparare un qualcosa è osservare con attenzione chi quella cosa sa farla. La musica racchiude il racconto dei sogni di tantissime anime e dimostra che spesso le speranze di ognuno sono quelle di tutti, così come le preoccupazioni.

La celebre canzone dei Negrita “Ho imparato a sognare” è come una dolce maestra di scuola che ti sorride mentre ti chiede che cosa vorresti fare da grande. Domanda alla quale tanti bambini rispondono ovviamente “non lo so” perché i sogni sono spesso poco chiari “Ho imparato a sognare che non ero bambino, che non ero neanche un’età”. Li vedi sfumare, cambiare, modificarsi nei dettagli ma non nel loro contenuto di base o all’opposto stravolgersi del tutto. A volte altro non sono che una semplice idea con assoluto bisogno di passaggi intermedi che la rendano concreta, tangibile. In ogni caso un conto è dire non lo so perché l’idea è ancora troppo timida per essere descritta con parole chiare, un conto è non aspettarsi nulla dal domani e non credere nemmeno nella forza delle idee. Che poi a pensarci bene le idee sono le radici dei sogni.

Tornando alla nostra similitudine, la maestra sa che il tuo sogno tra 10 giorni può essere completamente diverso e nuovo. Ma non te lo dice, invitandoti piuttosto a percorrere la strada che senti tua. La canzone si pone con chi ascolta nello stesso modo. Da cosa nasce cosa, no? da idea nasce idea e da sogno nasce sogno, fino a quando non si è maturi per cogliere quello vero e profondo “Ho imparato a sognare, quando inizi a scoprire che ogni sogno ti porta più in là”.

Imparare a sognare è un privilegio perché significa vivere. Sognare significa in verità essere più esposti al fallimento e alla sofferenza, elementi che purtroppo sono presenti nella realtà “Tra una botta che prendo e una botta che do, tra un amico che perdo e un amico che avrò, che se cado una volta, una volta cadrò, e da terra, da lì mi alzerò”. Allo stesso tempo tuttavia vuol dire anche ritrovare nuove energie e speranze per ricostruire tutto quello che è crollato.

La canzone dei Negrita si basa su un parallelismo tra chi sogna da sempre e chi invece non era o non è ancora in grado di farlo. La realtà infatti mostra sempre con più frequenza persone che sembrano aver perso o non avere proprio la capacità di coltivare un sogno. Per fortuna ci sono altrettanti esempi che raccontano di castelli costruiti a partire da pensieri in cui si è creduto“C’è che ormai che ho imparato a sognare non smetterò”. Essere convinti di non smettere è probabilmente la prova incontrovertibile di essere sognatori.

The following two tabs change content below.

Riccardo Castiglioni

Conduttore radiofonico e presentatore di eventi. Terminato il liceo classico, sto al momento frequentando la facoltà di giurisprudenza all’università; il fortissimo interesse per il mondo della comunicazione mi ha portato ad entrare in un primo momento a contatto con il mondo delle presentazioni e, in un secondo, con quello radiofonico; realtà della comunicazione che si intreccia e va di pari passo con la passione per la musica, centro di molti miei discorsi.

By Riccardo Castiglioni

Conduttore radiofonico e presentatore di eventi. Terminato il liceo classico, sto al momento frequentando la facoltà di giurisprudenza all’università; il fortissimo interesse per il mondo della comunicazione mi ha portato ad entrare in un primo momento a contatto con il mondo delle presentazioni e, in un secondo, con quello radiofonico; realtà della comunicazione che si intreccia e va di pari passo con la passione per la musica, centro di molti miei discorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.